La convenienza delle assicurazioni chilometriche

09/05/2018

Le assicurazioni auto a consumo (o pay per use) sono una particolare tipologia di polizza assicurativa che rispetto alle solite RC Auto non prevede il versamento di un premio annuale, ma di un ammontare personalizzato che si basa sul chilometraggio percorso durante la copertura.

La novità sta nella modalità di pagamento del premio e nella definizione del suo importo. L’assicurato corrisponde una quota annuale fissa (da calcolare in base al veicolo, alla residenza e alla classe di merito occupata), che garantisce la sottoscrizione e la durata della polizza, e una quota variabile, da saldare alla fine del periodo di copertura in base ai chilometri effettuati.

Le distanze percorse dall’automobilista si acquisiscono grazie all’installazione sul mezzo di una scatola nera. Il suo montaggio non avvantaggia solo la compagnia, che può tutelare meglio i propri interessi, ma anche l’assicurato, che potrà sfruttare i servizi relativi alla localizzazione del mezzo in caso di furto o a seguito di sinistro. Ricordiamo che la black box è molto diffusa in Italia: nella news “Scatola nera, chi la installa è più attento alla guida” abbiamo riportato gli ultimi dati ufficiali dell’IVASS (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni), secondo cui il dispositivo è attivo in oltre il 20% dei contratti RC Auto.

A chi conviene stipularla?

L'assicurazione a consumo è una valida opzione per chi non utilizza spesso l’automobile (magari perchè possiede un veicolo particolare, come ad esempio un’auto cabrio) o comunque non supera il limite di chilometri previsti dalla propria compagnia per questa tipologia di copertura. In generale, si può affermare che questa polizza è consigliata agli assicurati che percorrono con la propria auto meno di 5 mila chilometri all’anno, con un risparmio sul premio che può arrivare fino al 50% rispetto ad una polizza tradizionale. La convenienza potrebbe spingersi fino agli 8-10 mila chilometri, mentre per percorrenze maggiori è meglio sottoscrivere una normale RC Auto.

L’alternativa delle assicurazioni temporanee

L’assicurazione temporanea è una tipologia di polizza che può essere sottoscritta quando l’automobile viene utilizzata per periodi di tempo limitati, come ad esempio il fine settimana o la stagione estiva (da 1 mese a 3 mesi). Per queste assicurazioni si paga un premio base molto più basso rispetto a quello annuale: la copertura dal rischio sarà totale quando l’automobilista comunicherà alla propria compagnia il periodo nel quale intende avvalersi della polizza, che a quel punto diventa come una normale assicurazione RC Auto. Il contratto avrà un costo che sarà adeguato al tempo e all’utilizzo che il contraente intende fare del mezzo e la convenienza sarà inversamente proporzionale alla frequenza con cui si utilizza la propria auto.

Tra le assicurazioni temporanee troviamo anche quelle giornaliere indicate per chi deve trasferire l’automobile da un luogo all’altro (come ad esempio portare a rottamare il mezzo), mentre per chi deve spostarsi per un weekend può scegliere di sottoscrivere quelle a 3 o a 5 giorni.

Il risparmio arriva anche dalla comparazione online

Un altro modo per tagliare il costo dell’RC Auto è quello di servirsi del portale Segugio.it che permette di comparare i prezzi delle migliori polizze offerte dalle compagnie partner. Effettuando al 26 aprile la simulazione di un quarantenne milanese che vuole assicurare una Fiat 500L 1.3 Multijet – percorrenza di 20 mila km annui, veicolo acquistato nuovo nel 2014, guidatore unico in prima classe di merito – si scopre che il preventivo migliore è quello di Verti con una tariffa per guidatori esperti (conducente con più di 26 anni) di 198,58 euro l’anno – per la sola responsabilità civile. Il massimale coperto dall’agenzia è di 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni di euro per quelli alle cose.

A seguire troviamo la compagnia Zurich Connect che propone un prezzo annuo di 238,18 euro ma con massimali della polizza più alti – 7,5 milioni di euro sia per i danni alle cose che per quelli alle persone. Anche in questo caso la formula di guida adottata è quella esperta, che permette di condurre il mezzo a tutti i conducenti con età minima di 25 anni. Zurich Connect, solo per il primo sinistro, rinuncia al diritto di rivalsa quando il guidatore risulti in stato di ebbrezza, a condizione che il tasso alcolemico rilevato sia comunque inferiore al limite stabilito dalla legge maggiorato di 0,5 grammi per litro di sangue.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
La convenienza delle assicurazioni chilometriche Valutazione: 4,2/5
(basata su 5 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 CONSULENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare