logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

Polizza eventi atmosferici

La polizza eventi atmosferici è una garanzia accessoria (o facoltativa) che può essere abbinata all'RC Auto, l'unica assicurazione obbligatoria per poter circolare su strada.

Le Compagnie assicurative propongono agli assicurati la polizza eventi atmosferici per tutelare il veicolo dai danni subiti a causa di intemperie o condizioni climatiche eccezionali. In particolare, la garanzia permette di assicurare il valore dell'auto (o in generale di qualsiasi mezzo) da:

Terremoti ed eruzioni vulcaniche risultano invece tra i fenomeni naturali che non sono quasi mai coperti da questo tipo di polizza.

L'elenco di eventi può cambiare da Compagnia a Compagnia, quindi si consiglia di leggere sempre attentamente quali eventi sono coperti dal contratto.

A chi conviene attivare questa assicurazione?

L'assicurazione eventi atmosferici è una delle polizze accessorie meno richieste. Tuttavia, risulta molto vantaggiosa quando si vive in Comuni in cui è alto il rischio di episodi climatici potenzialmente dannosi.

Un motivo in più per attivarla è quando si possiede un'auto dall'alto valore commerciale. Un fenomeno naturale può provocare gravissimi danni ad un veicolo: dunque, quando quest'ultimo è particolarmente costoso, comporta una spesa per la riparazione di svariate migliaia di euro, che il proprietario non tutelato dalla polizza sarebbe costretto a pagare di tasca propria.

Come funziona il risarcimento del danno?

Per essere rimborsati, è necessario che l'eccezionalità dell'evento atmosferico sia riconosciuta da un bollettino di un centro meteorologico ufficiale. Inoltre, lo stesso evento deve essere riscontrato da più automobilisti, un'altra caratteristica che ne prova con certezza la straordinarietà.

Per avviare la procedura di indennizzo, è necessario presentare una richiesta alla propria Compagnia, allegando una copia della denuncia dei danni effettuata presso le forze dell'ordine. L'assicurato dovrà attendere la visita del perito dell'agenzia, che potrà avvenire direttamente presso il suo domicilio oppure presso un'officina convenzionata con la stessa assicurazione.

Il compito del perito è di stimare i costi per la riparazione della vettura. In caso di distruzione totale del mezzo, la polizza coprirà il valore commerciale che gli viene attribuito al momento in cui si è verificato l'evento.

Quanto costa la polizza eventi atmosferici?

La copertura può essere attivata su richiesta del contraente versando un premio extra che andrà a sommarsi al costo dell'assicurazione per la responsabilità civile.

Sul mercato si possono trovare polizze eventi atmosferici la cui spesa varia dai 30-40 euro l'anno agli oltre 100 euro. Il premio pagato dipende da numerosi fattori, quali il valore del veicolo, le condizioni meteo del luogo di residenza e la probabilità che si verifichino i fenomeni atmosferici riportati nel contratto. Ad esempio, l'assicurato che abita in una città soggetta ad allagamenti si troverà a versare un premio maggiore rispetto a un automobilista che vive in un Comune dove questi episodi sono più rari. Un altro aspetto che fa variare il costo è il valore del veicolo: dunque, chi possiede un mezzo particolarmente costoso (o di interesse storico) dovrà pagare per la polizza una cifra più sostanziosa rispetto a chi vuole tutelare una semplice utilitaria.

Limiti della polizza

La polizza eventi atmosferici prevede una serie di vincoli contrattuali. Alla stipula della garanzia viene indicato un massimale, vale a dire un importo massimo oltre il quale non è possibile essere indennizzati per il danno riportato. è bene puntualizzare che solitamente le compagnie fissano dei massimali specifici per ogni evento climatico coperto dal contratto.

La copertura facoltativa prevede anche una franchigia o uno scoperto. Dunque, la polizza può essere soggetta rispettivamente a un importo minimo fisso da superare affinché la compagnia eroghi il risarcimento (ad esempio 500 euro) o una percentuale del danno causato che resta a carico dell'assicurato. In alcuni casi è anche possibile un mix delle due clausole, vale a dire un minimo fisso o una percentuale del danno se maggiore del minimo fisso.

Ricordiamo che la polizza eventi atmosferici non scatta nel caso siano riscontrate responsabilità dell'assicurato, oppure di qualsiasi altra persona alla quale sia stato affidato il veicolo. Lo stesso vale se le condizioni climatiche non vengono giudicate come straordinarie: la semplice precipitazione che provoca un allagamento, costituisce un'eccezione non rimborsabile.