Chiama gratis 800 999 555

Revisione ciclomotori: ogni quanto tempo va fatta?

La prima revisione è obbligatoria dopo quattro anni dalla prima immatricolazione, entro la fine del mese di rilascio del libretto di circolazione. I successivi controlli devono essere fatti ogni due anni entro il mese corrispondente a quello in cui è stata effettuata l'ultima revisione.

Pubblicato il 13/05/2021

Aggiornato il 21/05/2021

Tutte le informazioni sulla revisione ciclomotori

La revisione, o collaudo, è un controllo obbligatorio che serve a valutare l’efficienza del veicolo e la sua idoneità a poter viaggiare su strade pubbliche

Sono soggetti a questo check-up anche i ciclomotori, le due ruote con cilindrata non superiore a 50 cc (centimetri cubici): le tempistiche per effettuare il collaudo sono le stesse in vigore per le automobili e i motocicli.

In particolare, la prima revisione del ciclomotore deve essere effettuata quattro anni dopo la prima immatricolazione ed entro la fine del mese di rilascio del libretto di circolazione. Successivamente, la cadenza del controllo è biennale ed entro il mese corrispondente a quello in cui è stata eseguita l’ultima volta.

Quali controlli vengono effettuati?

Inizialmente si valuta lo stato generale del ciclomotore, con il controllo di specchietti, manubrio, indicatori di direzione, clacson, pneumatici e fascio luminoso del faro anteriore (quest’ultimo da verificare tramite un apposito macchinario).

Particolare importanza assume la prova di velocità dinamica da effettuare al banco, per controllare che il veicolo non superi la velocità di 45 chilometri orari previsti dalla normativa nazionale.

In seguito, a ciclomotore acceso, viene inserita nello scarico una sonda, che grazie al collegamento con un software consente di misurare le emissioni di monossido di carbonio. È prevista anche una prova di frenata, al fine di verificare la forza che viene applicata alla leva del freno.

Se tutti controlli vengono superati, sarà consegnata al proprietario del ciclomotore un’etichetta che conterrà la scritta “regolare”, da apporre sul libretto di circolazione. Se invece uno o più controlli fanno emergere dei problemi, la revisione dovrà essere ripetuta: per effettuare la nuova ispezione sarà necessario risolvere le criticità riscontrate.

I costi della revisione

La spesa dipende dal centro che si sceglie per sostenere il collaudo. Se il proprietario si rivolge alle officine della Motorizzazione Civile, pagherà un importo di 45 euro; optando invece per i centri autorizzate privati, dovrà corrispondere un ammontare pari a 66,88 euro. Per la sola revisione in Motorizzazione il pagamento va effettuato in anticipo, sul conto corrente postale 9001 intestato al Dipartimento Trasporti Terrestri.

Le sanzioni per chi circola senza revisione

Le forze dell’ordine possono sanzionare il guidatore con una multa che varia dai 169 ai 680 euro. L’importo sarà raddoppiato se la revisione è omessa per più di una volta rispetto alle cadenze previste dalla legge.

Qualora il conducente venisse sorpreso a viaggiare con un mezzo già sospeso dalla circolazione, sarà soggetto ad una sanzione amministrativa compresa tra i 1.959 e i 7.837 euro, oltre al fermo amministrativo della moto per 90 giorni; la reiterazione di questa violazione porta alla confisca del mezzo.

Ricordiamo ancora una volta che chi non sottopone il ciclomotore a collaudo può avere grossi problemi nel caso in cui si rendesse responsabile di un incidente. La compagnia, pur rimanendo tenuta a risarcire gli eventuali danneggiati, intraprenderà successivamente un’azione di rivalsa nei confronti dell'assicurato, chiedendogli la restituzione di quanto pagato ai soggetti coinvolti nel sinistro.

In tema di RC, non possiamo non menzionare i vantaggi offerti da Segugio.it, il portale che aiuta gli utenti a individuare le assicurazioni ciclomotore più convenienti sul mercato. Per ottenere preventivi precisi basta inserire i propri dati anagrafici, i dati relativi al ciclomotore e i dettagli sulla storia assicurativa.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati