Chiama gratis 800 999 555

Quanto costa assicurare un’auto storica?

Le polizze per assicurare i veicoli storici vengono proposte dalle compagnie a costi inferiori rispetto a quelle dei mezzi tradizionali: prevedono una classe di merito fissa, che non segue il meccanismo del bonus-malus, e una formula di guida che è sempre libera.

Pubblicato il 02/10/2021
Costo assicurazione auto storica

Le polizze per auto storiche offrono condizioni più vantaggiose rispetto alle RC Auto delle vetture tradizionali, sia in termini di prezzi, più bassi anche del 50-60%, che di copertura.

È importante specificare che un veicolo può essere considerato storico solo se rispetta alcuni vincoli. In particolare, l’auto deve:

  • essere iscritta a un registro ASI (Automotoclub Storico Italiano) – che rilascerà il Certificato di Rilevanza Storico collezionistica (CRS);
  • essere immatricolata da più di 20 anni.

Le assicurazioni per veicoli storici hanno il vantaggio di non applicare il meccanismo del bonus-malus, perché prevedono una classe di merito fissa. In più, prevedono una formula di guida libera, che però ammette conducenti di età superiore ai 23 anni.

Un altro beneficio riguarda la possibilità per l’assicurato di usufruire della “formula garage”, utile per chi possiede più veicoli storici: questa formula consente infatti di assicurarli tutti con un unico contratto che garantisce un risparmio non indifferente sul premio.

Iscrizione ASI: come funziona?

Per iscrivere la vettura ASI è necessario rivolgersi a una delle Associazioni di auto storiche presenti su tutto il territorio italiano, presentando alcuni documenti della propria auto e pagando il costo del tesseramento, che è di 41,32 euro l'anno.

Ricordiamo che le auto storiche sono diverse da quelle d’epoca. L’articolo 60 del Codice della Strada stabilisce che rientrano nella categoria dei veicoli d’epoca le vetture cancellate dal PRA (Pubblico Registro Automobilistico) perché destinate alla conservazione in musei o locali pubblici e privati. Una differenza importante è che i veicoli d’epoca, rispetto a quelli storici, subiscono delle limitazioni in termini di circolazione, visto che possono essere utilizzati solo in occasione di appositi raduni e previa autorizzazione dal Dipartimento per i trasporti terrestri.

Un esempio di assicurazione per un’auto ultraventennale

Per assicurare un’auto datata e risparmiare notevolmente, basta rivolgersi a Segugio.it, il portale online che permette di individuare le RC Auto più vantaggiose sul mercato in modo semplice e gratuito.

Facciamo esempio: supponiamo la richiesta di una assicurata (39enne in prima classe di merito da più anni, patente mai sospesa, zero sinistri negli ultimi 5 anni, percorrenza media di 15.000 chilometri annui), residente a Forgaria nel Friuli (Udine), che a settembre ha voluto stipulare una polizza per una Fiat Punto a benzina immatricolata per la prima volta nel 1998.

La comparazione ha indicato come miglior prezzo la proposta di Genertel, con un premio di soli 176,00 euro per 12 mesi. La polizza Genertel applica una formula di guida esperta, che ammette conducenti con più di 25 anni: qualora al momento del sinistro si trovasse alla guida un conducente con età inferiore, Genertel applicherà una franchigia di 350 euro.

Per quanto riguarda le limitazioni, l’assicurazione rinuncia ad esercitare il diritto di rivalsa se al momento del sinistro il conducente guida con patente scaduta, purché il documento venga rinnovato entro 60 giorni dalla data dell’incidente.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati