logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

Bollo auto elettriche e ibride: le esenzioni in vigore per il 2024

Le auto ibride o totalmente elettriche godono dell’esenzione dal pagamento del bollo, l'imposta annuale dovuta da tutti i proprietari di un veicolo iscritto al PRA. L’agevolazione varia da Regione a Regione: ecco cosa prevedono i diversi territori italiani.

Pubblicato il 25/11/2023
auto con calcolatrice e soldi sul tavolo di legno
Esenzione bollo auto elettriche e ibride

Il numero di auto elettriche e ibride che circolano in Italia è in costante aumento. Si tratta di vetture a basse emissioni che godono, nella maggior parte dei casi, dell’esenzione dal bollo, l’imposta da versare annualmente il cui importo varia in base alla potenza e alla classe ambientale dello stesso mezzo. L'agevolazione viene decisa dalle singole Regioni.

Bollo auto: l'esenzione in Lombardia

È prevista l’esenzione permanente dal pagamento dell'imposta per le auto a propulsione elettrica.

Per le ibride bisogna distinguere due casi. L’esenzione è di tre periodi di imposta per le autovetture nuove e usate fino a 100 kiloWatt (136 cavalli) acquistate dall’anno 2023, purché immatricolate dal 1° gennaio 2021 e con esclusione di quelle a gasolio: è inoltre necessaria la contestuale demolizione di un veicolo con classe di emissione fino a Euro 4 se alimentato a gasolio oppure fino a Euro 1 se alimentato a benzina. Il secondo caso è la riduzione del bollo del 50% per i primi 5 anni a favore delle auto fino a 100 kiloWatt a doppia alimentazione (benzina/elettrico, gpl/elettrico) immatricolate nuove di fabbrica.

Confronta le RC auto e risparmia fai subito n preventivo

Trentino Alto Adige: le Province autonome di Trento e Bolzano

Le auto 100% elettriche non sono soggette al pagamento del bollo per i primi cinque anni dalla prima immatricolazione. Solo a Bolzano si può godere al termine di questo periodo dell’ulteriore agevolazione, ossia il versamento del 25% dell’importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina.

Per le ibride, le regole cambiano a seconda della Provincia. Bolzano prevede una esenzione dal pagamento per 5 anni se la vettura ha emissioni di anidride carbonica non superiore ai 30 grammi per chilometro. Per la provincia di Trento, l’esenzione è di cinque anni dalla prima immatricolazione per tutti veicoli ad alimentazione elettrica/termica.

Veneto

In Veneto è stata stabilita l’esenzione dal bollo quinquennale (dall’anno di immatricolazione) per le auto elettriche e triennale per le ibride.

Friuli Venezia Giulia

Le norme in vigore prevedono l’esenzione per cinque anni per le sole vetture elettriche: in seguito, il bollo auto sarà dovuto per solo un quarto dell’importo previsto per i veicoli a benzina corrispondenti.

Piemonte

Le vetture elettriche sono esentate dal bollo per l’intero periodo di vita dell’auto; le auto ibride, invece, non godono di alcuna esenzione.

Valle d’Aosta

Le elettriche sono esentate dal pagamento del bollo per i primi cinque anni. Al termine di questo periodo, i proprietari devono tornare a versare l’imposta automobilistica, ma solo per un quarto dell'importo previsto per il corrispondente veicolo a benzina. Per le elettriche immatricolate dal 1° gennaio 2019, vige una ulteriore esenzione di tre anni.

L’esenzione quinquennale riguarda anche i veicoli a propulsione ibrida immatricolati a partire dal 1° gennaio 2017.

Liguria

Le auto azionate da un motore elettrico godono dell'esenzione dal pagamento dell'imposta per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; nei periodi successivi si deve corrispondere un importo pari al 25% dell'importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina. Per le ibride, l’esenzione dal pagamento del bollo è per il primo periodo fisso e per i quattro anni successivi.

Emilia Romagna

Le auto elettriche non pagano il bollo per i primi cinque anni dalla data di immatricolazione, mentre si dovrà versare il 25% dell’importo dal sesto anno in poi.

Per le ibride, l’agevolazione riguarda le vetture immatricolate nel 2021, che hanno diritto a un contributo pari all’importo del bollo per tre anni, ma fino a un massimo di 191 euro per ciascun'anno.

Marche

Per le auto elettriche, l’importo del bollo non è dovuto per i primi cinque anni dalla data di collaudo.

Le ibride immatricolate dopo il primo gennaio 2018 sono esentati dal pagamento dell’imposta automobilistica regionale per il primo periodo fisso e per le cinque annualità successive.

Umbria e Toscana

Le auto a zero emissioni godono dell'esenzione dal pagamento della tassa automobilistica per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell'importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina. Nessuna esenzione è invece prevista per le vetture ibride.

Lazio

Le auto con il solo motore elettrico non pagano il bollo per cinque anni, sempre a partire dalla prima data di immatricolazione; alla fine dei cinque anni, il bollo auto sarà dovuto per un quarto dell’importo previsto per i veicoli a benzina corrispondenti.

La Regione ha disposto invece l'esenzione temporanea pari a tre anni dalla prima immatricolazione per le auto con alimentazione ibrida.

Abruzzo e Sicilia

Le auto elettriche non pagano l'imposta automobilistica per cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione; alla fine di questo periodo, si deve corrispondere una tassa pari ad un quarto dell'importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina. Per le ibride l’esenzione dal bollo riguarda i primi tre anni, ma per le vetture immatricolate nel 2019, 2020 e 2021 (dunque solo quest’ultime non pagano il bollo per il 2024).

Campania

Le vetture elettriche godono dell'esenzione dal pagamento del bollo per i cinque anni che decorrono dalla data di prima immatricolazione: pagheranno invece un quarto dell'importo previsto per i corrispondenti veicoli a benzina nelle annualità successive. Per le ibride, l’esenzione è triennale.

Basilicata

Le auto con alimentazione elettrica e ibrida godono dell'esenzione per le prime cinque annualità a partire dalla data di immatricolazione: dal sesto anno in poi l’imposta è dovuta per intero per le ibride e per il 25% per le elettriche.

Puglia

Le quattro ruote elettriche non pagano il bollo per i primi cinque anni dall’immatricolazione. In seguito, gli automobilisti saranno tenuti a corrispondere l'imposta per un ammontare pari a un quarto dell’importo dovuto per i corrispondenti veicoli a benzina. Le ibride godono invece dell’esenzione dal pagamento del bollo auto per il primo periodo fisso e per le cinque annualità successive: successivamente sarà dovuta una imposta automobilistica ridotta del 75%.

Molise, Calabria e Sardegna

L’esenzione è per le sole elettriche, che non pagano il bollo per cinque anni a partire dalla data della prima immatricolazione; dopo questo periodo, i proprietari pagheranno il 25% del bollo versato per i veicoli a benzina.

Le RC auto online più economiche di novembre 2023:

Assicurazione Auto Massimale Prezzo
Polizza auto BeRebel 7.000.000 € per persone, 3.000.000 € per cose. da 103,05 €
Polizza auto Prima.it Ripara Prima 6.450.000 € per le persone e 1.300.000 € per le cose. da 131,00 €
Polizza auto Prima.it 6.450.000 € per le persone e 1.300.000 € per le cose. da 131,00 €
Polizza auto Bene Assicurazioni autofit 6.450.000 € per danni a persone e 1.300.000 € per danni a cose da 156,00 €
Polizza auto Linear autobox 6.450.000 € per persone, 1.300.000 € per cose. da 157,36 €
Polizza auto Linear riparazione diretta 6.450.000 € per persone, 1.300.000 € per cose. da 173,88 €
Polizza auto Genialclick 6,5 milioni di € per persone e 6,5 milioni di € per cose. da 179,00 €
Polizza auto Linear 6.450.000 € per persone, 1.300.000 € per cose. da 180,71 €
Polizza auto ConTe.it assistenza no stress 10 milioni di € per le persone e 1,3 milioni di € per le cose. da 181,03 €
Polizza auto ConTe.it 10 milioni di € per le persone e 1,3 milioni di € per le cose. da 182,86 €
A cura di: Enrico Campanelli

Come valuti questa pagina?

Valutazione media: 3,33 su 5 (basata su 6 voti)

Articoli correlati