Chiama gratis 800 999 555

Bollo: quali agevolazioni per le moto storiche?

I motoveicoli immatricolati da più di vent’anni, se in possesso del Certificato di Rilevanza Storica rilasciato dalla FMI, possono pagare la tassa di proprietà con una riduzione pari al 50%. Per le moto ultratrentennali l’esenzione dal pagamento del bollo è totale.

Pubblicato il 11/12/2020

Le moto di interesse storico godono dell’esenzione totale o parziale dal pagamento della tassa di proprietà (o bollo).

In particolare, le due ruote con anzianità di immatricolazione compresa tra i 20 e i 29 anni e in possesso del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica rilasciato dalla Federazione Motociclistica Italiana (FMI), possono usufruire di una riduzione del bollo del 50%. I proprietari, per ottenere lo sconto, devono presentare domanda di aggiornamento della carta di circolazione alla Motorizzazione Civile, allegando l’originale e la fotocopia del certificato che ne attesta la storicità.

Il versamento del restante 50% deve essere effettuato entro il mese successivo alla scadenza, che per le storiche coincide con il mese di dicembre: dunque il versamento dovrà essere corrisposto entro il 31 gennaio dell’anno successivo.

Ricordiamo che il ritardo del pagamento del bollo procura una sanzione variabile in base ai giorni di ritardo, che sarà aggiunta all’importo originario (più gli interessi). Si possono prospettare i seguenti casi: realizzando il saldo entro i 15 giorni successivi alla scadenza, il motociclista verserà una sanzione che sarà pari allo 0,1% della tassa per ogni giorno di ritardo. L’importo della sanzione sale all’1,67% per un ritardo compreso fra i 30 e i 90 giorni, oltre agli interessi di mora, mentre dopo i tre mesi ed entro un anno dalla scadenza ammonterà al 3,75% dell’imposta originaria. Molto più alta la percentuale applicata per i periodi di tempo superiori all’anno: è pari infatti al 30% del tributo.

Scatta invece il fermo amministrativo del mezzo quando il motociclista continua a non pagare la tassa dovuta nei successivi 60 giorni dalla notifica della cartella esattoriale.

Bollo moto per le over 30

Le moto ultratrentennali sono completamente esentate dal pagamento della tassa di proprietà. Per ottenere il beneficio non occorre presentare alcuna domanda e non è inoltre necessario che siano iscritte in un registro storico.

Tuttavia, se una moto ultratrentennale circola su strade pubbliche, il proprietario deve corrispondere una tassa di circolazione forfettaria (tra gli 11 e i 20 euro, a seconda della Regione di residenza) con validità per l’intero anno solare.

Assicurazione moto storiche: si risparmia?

Le moto iscritte al registro FMI possono spuntare contratti assicurativi molto convenienti, perché l’assicurato usufruisce di una classe di merito fissa al di fuori del sistema bonus-malus. Inoltre, è incluso nel prezzo della polizza la guida libera del mezzo, che consente a chiunque di poterlo condurre: ricordiamo però che l’età minima dell’intestatario dell’assicurazione deve essere di almeno 23 anni.

Chi invece è in possesso di una moto ultraventennale non storica, può risparmiare sull’assicurazione grazie a Segugio.it, che con il suo comparatore permette di trovare le polizze moto più vantaggiose del mercato, il tutto in modo semplice e veloce.

Ad esempio, volendo stipulare un contratto per una Honda CBR 600, immatricolata nel 1992, risulta quale proposta più conveniente la polizza di Linear, che propone una copertura con formula di guida libera (qualsiasi conducente) al prezzo di 141,68 euro per 12 mesi. Linear propone anche la variante “Sospendi quando vuoi” al prezzo di 156,86 euro: le polizze moto annuali con questa garanzia possono essere sospese due volte durante l’anno assicurativo e fino a 30 giorni prima della scadenza, per un periodo che va da uno a 12 mesi.

;
A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati