Chiama gratis 800 999 555

Viaggi con il passaporto sanitario: l'ipotesi per il 2021

La campagna vaccinale è partita in molti Paesi e in tanti iniziano a immaginare viaggi e vacanze da fare nei prossimi mesi. Tra le ipotesi c'è anche quella di istituire un passaporto sanitario digitale che certifichi che il viaggiatore è negativo al covid o addirittura vaccinato.

Pubblicato il 30/12/2020

Un passaporto sanitario che certifichi lo stato di salute dei viaggiatori e in particolare dei passeggeri delle compagnie aeree. È questa una delle ipotesi che sta circolando ormai da settimane in vista dell’arrivo del nuovo anno. L’obiettivo è poter tornare a viaggiare in totale sicurezza, data l’emergenza coronavirus tuttora in corso.

Sia gli aeroporti che alcune compagnie aree stanno valutando l’idea di introdurre un passaporto sanitario digitale, che possa dimostrare l’esito negativo del tampone per il Covid-19 o addirittura anche l’avvenuto vaccino. Sono quattro i progetti pilota di passaporto sanitario digitale al vaglio nelle ultime ore. Ciascuno di loro prevede l’utilizzo di un’app da scaricare e su cui inserire i dati sanitari.

I quattro progetti

Il progetto CommonPass presuppone che ci sia un collegamento della piattaforma a centinaia di ospedali e ai laboratori privati. Si può così accedere ai risultati di laboratorio e alle registrazioni delle vaccinazioni per confermare la negatività al coronavirus, senza rivelare altre informazioni sulla salute personale. Questa piattaforma valuta se i risultati dei test di laboratorio o le registrazioni delle vaccinazioni provengono da fonti attendibili e soddisfano i requisiti dello screening sanitario del Paese in cui si desidera entrare. Lo scopo è quello di consentire viaggi aerei e transfrontalieri più sicuri, dando fiducia sia ai viaggiatori che ai governi sullo stato di Covid-19 di ogni viaggiatore.

La seconda proposta, denominata Travel Pass, presenta un sistema di certificazione che mette in comunicazione governi, compagnie aeree e passeggeri: ciascun viaggiatore può così controllare quali sono i requisiti per accedere nel Paese di destinazione e ottenere l’autorizzazione per l’ingresso.

Il terzo progetto pilota, a cui le compagnie aree vogliono affidarsi, si chiama Digital Health Pass ed è sviluppato da Ibm. È un’idea volta a riportare le persone in un luogo fisico, uno stadio, un volo di una compagnia aerea. Con questa soluzione si possono verificare le credenziali sanitarie di dipendenti, clienti e visitatori, senza alcun rischio per la loro privacy.

AOKpass è il quarto progetto pilota: si tratta di un’applicazione digitale creata dalla Camera di Commercio Internazionale che consente agli utilizzatori di presentare alle autorità o anche ai datori di lavoro una copia digitale autenticata della propria cartella medica, senza che vengano compromessi in alcun modo i dati personali. Attraverso l’utilizzo della tecnologia blockchain, la cartella è fruibile esclusivamente dal soggetto intestatario, consentendo allo stesso di mostrare il proprio stato di salute, senza rinunciare ad una rigorosa riservatezza dei dati sanitari. Con questa app si facilita il turismo, perché vengono accelerati i controlli alle frontiere, viene fornita una certificazione del vaccino e ripristinata la fiducia nei consumatori. Inoltre si agevola il commercio, in quanto si possono ristabilire le rotte commerciali globali e possono essere riaperti i settori fortemente colpiti dalla pandemia.

A muoversi verso queste soluzioni è anche la Iata, l’International Air Trasport Association, che denuncia, a causa della pandemia, il crollo della domanda di viaggi nel 2020. Al momento, comunque, nonostante se ne parli già da qualche tempo, non ci sono ancora accordi tra i governi che riconoscano la legittimità di tali progetti. Non mancano poi anche teorie più pessimiste a riguardo: si teme che, qualora venga dato il via libera a tali app, a pagarne le conseguenze potrebbero essere soprattutto i giovani, ultimi a ricevere il vaccino, e i Paesi più poveri.

Con l’assicurazione puoi viaggiare senza pensieri

Un altro modo per viaggiare senza pensieri, soprattutto in questo periodo, è quello di sottoscrivere un’assicurazione viaggio, che risarcisce il contraente in caso di imprevisti, come l’annullamento del viaggio, lo smarrimento delle valigie, sino a infortuni e a problemi di salute per il viaggiatore.

Segugio.it ha scelto come partner AIG Europe S.A. - Rappresentanza Generale per l'Italia. Travel Guard è l'assicurazione viaggio che permette di ottenere uno sconto esclusivo del 20% sul prezzo finale della polizza.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati