Chiama gratis 800 999 555

Veicoli rimorchiati: partenza con sprint nel 2021

Buona la prima. Il nuovo anno si apre con un +15,2% per i rimorchi e i semirimorchi con massa totale a terra superiore alle 3,5 t. Si contano 1.222 unità immatricolate a gennaio 2021, contro le 1.061 di gennaio 2020. L’analisi è stata effettuata dal Centro Studi Unrae.

Pubblicato il 24/02/2021

Inizia bene il 2021 per il mercato dei veicoli rimorchiati. Il nuovo anno si apre con un +15,2% per i rimorchi e i semirimorchi con massa totale a terra superiore alle 3,5 t. Si contano 1.222 unità immatricolate a gennaio 2021, contro le 1.061 di gennaio 2020.

L’analisi è stata effettuata dal Centro Studi Unrae, in base ai dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti. La crescita del settore, secondo l’Associazione delle Case Automobilistiche Estere, è sicuramente da ricondurre alla disponibilità dei fondi per investimenti nel comparto. “Difficile prevedere quale potrà essere il risultato per il 2021, ma siamo certi che la messa a disposizione di risorse mirate al rinnovo del parco contro rottamazione potrà giocare un ruolo fondamentale per togliere dalle strade i mezzi che non dispongono degli ultimi e più avanzati dispositivi di sicurezza e che non sono in grado di dialogare, a causa della loro obsolescenza, con il veicolo trainante”, commenta Paolo A. Starace, presidente della Sezione Veicoli Industriali di Unrae.

Ancora una volta il sodalizio reclama una maggiore attenzione nei confronti dei veicoli rimorchiati, “tenendo presente che oltre il 90% dell’immatricolato è ormai costituito da semirimorchi, in funzione della loro maggiore elasticità di impiego”. Su tali veicoli, fa sapere l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, si è concentrata la ricerca dei costruttori. Oltre alle dotazioni di sicurezza, si è dato negli ultimi anni maggiore peso all’architettura dei mezzi in modo da diminuirne il peso e migliorarne le caratteristiche aerodinamiche, contribuendo così alla riduzione dei consumi.

L’Unrae chiede poi che venga data attenzione agli allestimenti che hanno bisogno di fonti autonome di energia per poter funzionare anche a veicolo fermo. Da qui la richiesta di Unrae, insieme con altri stakeholder del settore, di un dialogo immediato con la pubblica amministrazione, per rivedere le norme tecniche e di circolazione “che a tutt’oggi ostacolano l’adozione in Italia, anche solo in via sperimentale, di soluzioni ormai collaudate e impiegate regolarmente negli altri Paesi europei”.

Passiamo ora all’aspetto assicurativo. L’Rc Autocarro ha un costo variabile a seconda della portata del veicolo e non della cilindrata come per gli altri mezzi a quattro ruote. Con il servizio di comparazione di Segugio.it è possibile assicurare il proprio autocarro in maniera semplice e vantaggiosa. Occorrono soltanto pochi istanti per confrontare le migliori offerte Rc e per scegliere l’assicurazione autocarro che più risponde alle proprie esigenze per il furgone o van.

Giù il mercato dell’auto in Europa

E se il mercato dei veicoli rimorchiati è iniziato bene nel 2021, non si può dire lo stesso per il mercato europeo dell’auto. Nel primo mese dell’anno si parla di una perdita di oltre ¼ delle immatricolazioni. La flessione ha risparmiato soltanto Svezia e Norvegia, mentre ha messo a segno un duro colpo per Spagna (-51,5%), Regno Unito (-39,5%) e Germania (-31,1%), seguite dall’Italia, che limita il calo ad un -14%, grazie agli incentivi soprattutto della fascia 61-135 g/km, e dalla Francia a -5,8%.

Per avere informazioni sempre aggiornate sul mercato assicurativo italiano, su Segugio.it è possibile consultare l’Osservatorio assicurazioni, che permette di ricevere aggiornamenti sulle assicurazioni auto e moto. Si tratta di un servizio importante per supportare le famiglie nel risparmio.

Per esempio, per aggiudicarsi una polizza meno salata, c’è anche la possibilità di montare la scatola nera. Questo dispositivo è in grado di raccogliere tutti i dati utili per chiarire anche le dinamiche di un incidente e scongiurare possibili frodi, e quindi abbassarre il costo del premio assicurativo.

Oggi è possibile avvalersi anche della Rc Familiare, che permette che la migliore posizione assicurativa sia disponibile per i vari membri della famiglia su qualsiasi veicolo.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati