Veicoli commerciali: quarto mese di crescita nell’Ue

08/06/2019

Veicoli commerciali: quarto mese di crescita nell’UeIn aprile il mercato dei veicoli commerciali Ue ha registrato una crescita per il quarto mese di seguito, grazie soprattutto all’effetto locomotiva esercitato dai segmenti van e camion. Complessivamente le unità vendute sono state 215.497, il 7,8% in più rispetto a un anno fa.

Da gennaio ad aprile di quest’anno le registrazioni dei veicoli commerciali nell’Ue risultano aumentate complessivamente del 5,8% rispetto al corrispondente periodo del 2018, con 871.100 unità di nuovi veicoli. È quanto emerge dal rapporto diffuso dall’Acea, l’associazione dei costruttori di auto europei, secondo cui in Italia in aprile il mercato dei veicoli commerciali e industriali è cresciuto dell’11,6% rispetto allo stesso mese del 2018. Spunto che porta la performance consolidata nel Belpaese durante il primo quadrimestre di quest’anno a +3,4% rispetto allo stesso periodo del 2018, con 70.668 unità vendute rispetto a 68.321. 

Il segmento dei van rappresenta l’82% del mercato

Rimanendo sui dati mensili: a tirare la volata in questa classifica è stata la Germania (+12,1%), poi l’Italia come detto, seguita da Regno Unito (+8,3%), Francia (+6,5%), Spagna (+3,8%). I principali mercati europei hanno registrato segni positivi, con i primi tre che hanno addirittura segnato una crescita a doppia cifra: la Francia (+12,7%) ha fatto comunque meglio dell’Italia, mentre la Germania si è piazzata subito dietro (+10,1%).

Per scendere nei dettagli, il segmento dei commerciali leggeri fino a 3,5t – che rappresenta fino all’82% della domanda del mercato veicoli commerciali a livello europeo – in aprile è aumentato dell’8,4% (+5,9% nel quadrimestre gennaio-aprile, con 721.303 van venduti), trainato soprattutto dall’Italia (+15,6%), dalla Germania (+13,2%) e dalla Francia (+12,4%). 

Il segmento dei nuovi veicoli commerciali da 16t ha segnato in aprile una robusta crescita a livello Ue (+5,6% in aprile e 4,9% nei primi quattro mesi), mentre il comportamento del relativo mercato italiano è stato negativo (-12,2% nel mese e -11,4% in gennaio-aprile).

Stessa dinamica divergente per quello dei veicoli medi e pesanti sopra le 3,5t, che in Europa ha chiuso un risultato positivo (rispettivamente +5,8% e +6,1%) e di segno opposto in Italia (-7,4% e -10,4%). Sono state invece vivaci – relativamente a questo settore - le immatricolazioni in Germania, Francia e Regno Unito

In Italia si devono vedere gli effetti del DL Crescita

In Italia, comunque, si devono ancora vedere tutti gli effetti di quanto previsto dal cd DL Crescita, che ha reintrodotto da inizio aprile il superammortamento (130%) per veicoli a uso strumentale. E questo fa ben sperare perché, secondo Federauto e Anfia, si tratta uno strumento teso a sostenere direttamente gli investimenti delle imprese di trasporto nel nostro Paese.

Alla luce dei risultati visti nei primi mesi dell’anno, secondo gli esperti, a fare da propulsore al mercato italiano dei veicoli commerciali sono soprattutto le attività legate ai cantieri (in sintonia con la crescita della produzione delle costruzioni vista nel frattempo). Inferiore il contributo che arriva da trasporti stradali.

Questi due tipi di veicoli sono accumunati dall’esigenza di essere assicurati e l’autista ha un modo semplice per risparmiare sottoscrivendo una polizza: comparare prima della stipula le varie proposte delle compagnie, consultando il portale Segugio.it e disegnandola in base alle proprie necessità.

A cura di: Fernando Mancini

Parole chiave: Acea, Ue, veicoli commerciali, aprile, 2019
Come valuti questa notizia?
Veicoli commerciali: quarto mese di crescita nell’Ue Valutazione: 4,5/5
(basata su 2 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare