Chiama gratis 800 999 555

Un italiano su tre non usa la cintura di sicurezza

Gli automobilisti italiani sono più indisciplinati. Negli altri Paesi Europei, infatti, il 90 per cento degli automobilisti indossa le cinture anteriori e ben il 71 per cento dei passeggeri quelle posteriori. Nel Belpaese un automobilista su dieci usa lo smartphone mentre è al volante.

Pubblicato il 24/11/2021
Un italiano su tre non usa la cintura di sicurezza

Un italiano su tre al volante non allaccia la cintura di sicurezza. È il triste dato che emerge dalla Ricerca Osservatorio Stili di Guida Utenti, richiesta da Anas ed effettuata dallo Studio Righetti e Monte Ingegneri e Architetti Associati con il contributo dell’Unità di Ricerca in Psicologia del Traffico dell’Università Cattolica del Sacro Cuore.

In vista dell’obiettivo di dimezzare le vittime di incidenti stradali entro il 2030, Anas porta avanti una serie di importanti iniziative volte a promuovere e a diffondere anche una cultura della sicurezza stradale. Il 93% degli incidenti è causato, infatti, dal comportamento del guidatore.

L’indagine fa riferimento al comportamento di guida degli italiani su tre diversi tipi di strada e autostrada in gestione ad Anas: autostrada A90 Grande Raccordo Anulare di Roma, la S.S.336 della Malpensa come strada extra-urbana principale e la S.S. 700 della Reggia di Caserta come strada extra-urbana secondaria. Sotto la lente degli esperti è finito un campione di 6mila persone. Lo studio rivela che il 28,38% degli automobilisti non usa la cintura di sicurezza. I numeri diventano più alti se si fa riferimento ai passeggeri anteriori (31,87%) e ai passeggeri posteriori (80,12%).

Non va meglio nemmeno sul fronte della sicurezza dei più piccoli. Quasi la metà dei conducenti non fa uso dei dispositivi di ritenuta per i bambini. Inoltre c’è poca attenzione anche per gli indicatori luminosi: più della metà non li accende per le manovre di sorpasso o rientro. Un altro dato preoccupante riguarda quello dell’uso improprio del cellulare alla guida. Un automobilista su dieci fa uso dello smartphone mentre è al volante del proprio veicolo.

Dall’indagine, commissionata da Anas, il nostro Paese non ne esce dunque affatto bene. I numeri sono ben differenti dai dati registrati negli altri Paesi Europei, dove il 90% degli automobilisti indossa le cinture anteriori e ben il 71% dei passeggeri quelle posteriori.

All’origine dell’indisciplinatezza degli italiani al volante ci sono una serie di fattori, quali: stress, abitudini sbagliate, scarso senso civico ma anche velocità sostenuta, sorpassi pericolosi, manovre di sorpasso a destra e mancato utilizzo degli indicatori di direzione.

Risparmia fino a 500€ sulla tua RC auto fai subito un preventivo

Guida prudente e RC auto

Avere uno stile di guida prudente è funzionale anche al pagamento di un premio assicurativo più basso. Il costo di una polizza auto dipende, infatti, dal profilo di rischio e dal tipo di guida. Chi dichiara di avere una guida esperta o esclusiva pagherà un premio diverso rispetto a una persona appena patentata. Le compagnie assicurative offrono anche prodotti come la scatola nera con cui è possibile beneficiare di sconti. La protezione satellitare permette di registrare tutti i dati utili sul comportamento del veicolo e di ricostruire al meglio la dinamica di un sinistro, scongiurando anche eventuali frodi. Il montaggio di questo dispositivo è più ricorrente al Sud: qui i premi assicurati sono di gran lunga più alti. Man mano, però, il differenziale di premio tra Napoli e Aosta sta calando.

Secondo l’Osservatorio di Segugio.it nel semestre attuale il prezzo medio della polizza RC auto ha registrato il calo più alto in termini assoluti rispetto ai primi sei mesi dell’anno nella città di Caserta, dove la diminuzione ammonta a -134,55 euro. Qui nel periodo luglio-dicembre 2021 il costo medio di un’assicurazione auto è di 626,81 euro. Parliamo comunque di una tariffa per assicurazione RC auto più alta di oltre l’80% rispetto alla media nazionale.

Al secondo posto, tra le province italiane in cui le polizze hanno registrano un calo dei prezzi si trova Benevento con un crollo del prezzo pari a –72,07 euro. Seguono Napoli (-56,75 euro), La Spezia (-59,56 euro) e Salerno (-49,58 euro).

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati