Chiama gratis 800 999 555

Revisione, patenti, RC Auto e pedaggi autostradali: quali novità per il 2021?

Diverse le novità per i guidatori italiani in questo nuovo anno. Tra queste spicca l’aumento della spesa per la revisione, che costerà 9,95 euro in più, e il contratto base, un modello di RC Auto standard che deve necessariamente indicare le clausole minime della copertura obbligatoria.

Pubblicato il 13/01/2021

Gli adempimenti legati al possesso di un veicolo a motore sono spesso un grande punto interrogativo per gli automobilisti italiani. Non tutti sanno che il Governo ha varato diverse misure, che introducono novità su revisioni, patenti, assicurazioni e pedaggi autostradali. Vediamole una a una.

Revisioni

Il costo della revisione (o collaudo) aumenterà da fine gennaio di 9,95 euro. È quanto previsto da un emendamento alla manovra approvato in commissione Bilancio alla Camera: la spesa per l’ispezione di auto e moto sarà quindi di 76,8 euro presso i Centri privati autorizzati e 54,95 euro presso le officine della Motorizzazione Civile (contro gli attuali 66,8 e 45 euro).

Tuttavia, sarà in vigore anche un buono “veicoli sicuri”: questo prevede che la prima revisione fatta entro i prossimi tre anni sarà esentata dall'aumento: questo bonus, però, varrà una sola volta e per un solo veicolo se si possiedono più mezzi da revisionare.

L’aumento è stato contestato dalle Associazioni dei consumatori. Secondo Federconsumatori, il maggior costo colpirà le famiglie negli anni a venire, penalizzando in particolar modo i nuclei che non possono permettersi di cambiare auto e che dovranno sommare l’aumento a tutti gli interventi di manutenzione che un mezzo richiede.

In tema di revisioni, è bene anche non dimenticare la proroga dei termini per effettuarla, a causa della pandemia da Covid-19. In particolare, il collaudo in scadenza tra il 1° ottobre 2020 e il 31 dicembre 2020 potrà essere eseguito entro il 28 febbraio 2021.

RC Auto

Dal primo gennaio è in vigore il contratto base, una nuova tipologia di contratto che impone alle compagnie di proporre polizze con delle garanzie minime per l’adempimento dell’obbligo assicurativo. Dunque, il pacchetto assicurativo di base che tutte le imprese offrono ai clienti è diventato standard.

Nell’offerta base sono inseriti i seguenti elementi:

  • l’oggetto del contratto;
  • le ipotesi di esclusioni della copertura assicurativa;
  • l’eventuale rivalsa;
  • gli effetti sulle ipotesi di dichiarazioni false e infedeli del cliente;
  • l’obbligo di comunicazione dell’aggravamento del rischio assicurativo;
  • l’eventuale limite alla copertura in base al territorio dove si circola;
  • le condizioni di applicazione del cosiddetto Bonus Malus

Sono specificate separatamente le condizioni aggiuntive che il cliente può richiedere, vale a dire le clausole di limitazione o di ampliamento della copertura assicurativa e le clausole che influiscono sulla diminuzione o sulla maggiorazione del premio.

A proposito di RC Auto, è bene dare anche un consiglio su come scegliere la polizza giusta: con Segugio.it è possibile individuare la migliore RC Auto sul mercato e che consente di risparmiare svariate centinaia di euro.

Patenti

Chi deve rinovare la patente potrà usufruire di una proroga, anche in questo caso per il protrarsi dell’emergenza coronavirus. In particolare, le patenti scadute tra il 31 gennaio 2020 e il 29 aprile 2021 potranno essere rinnovate entro il 30 aprile 2021.

C’è una buona notizia anche per chi la patente deve ancora prenderla: grazie ad uno specifico emendamento a livello nazionale, tutti i fogli rosa scaduti sono ancora validi fino al 30 aprile 2021.

Pedaggi autostradali

Niente aumenti dei pedaggi dal primo gennaio 2021, visto che gli adeguamenti delle tariffe (sia in aumento che in calo) sono stati congelati. I prezzi al casello resteranno dunque invariati, con nuove possibili tariffe che potrebbero partire solo dal 1° agosto 2021.

La notizia ha trovato d’accordo il Codacons: l’Associazione spiega che “i vari lockdown nazionali e regionali hanno di fatto impedito ad una consistente fetta di popolazione di utilizzare la rete autostradale, pertanto un rincaro delle tariffe autostradali a partire dal 2021, quando ancora non si conosce se e in che modo i cittadini potranno tornare a spostarsi, sarebbe stato del tutto ingiustificato”.

;
A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati