Chiama gratis 800 999 555

Revisione auto: proroghe ancora in vigore per Covid-19

Il 31 ottobre 2020 è stato l’ultimo giorno utile per eseguire le revisioni scadute entro il 31 luglio. Due le proroghe per i prossimi mesi: la prima riguarda i collaudi già scaduti lo scorso 30 settembre, la seconda quelli in scadenza entro il 31 dicembre.

Pubblicato il 07/11/2020

Lo stato di emergenza nazionale, per via della pandemia da Coronavirus, ha portato al rinvio delle scadenze della revisione (o collaudo) dell’auto.

Una prima proroga inserita nel decreto Cura Italia e ripresa nell’ultimo Decreto Semplificazioni è scaduta da pochi giorni: il 31 ottobre è stato infatti l’ultimo giorno utile per eseguire le revisioni dei veicoli già scadute entro il 31 luglio 2020.

Dal mese di novembre sono scattati i controlli delle forze dell’ordine perché la mancata revisione fa rischiare una multa salata, per un importo che varia dai 159,00 a 639,00 euro. In più il veicolo viene sospeso dalla circolazione fino al sostenimento dell’esame (con esito positivo), mentre se l'infrazione è accertata in autostrada viene applicata anche la sanzione accessoria del fermo amministrativo.

Ricordiamo che molte volte la mancata revisione dipende da una semplice dimenticanza da parte del proprietario del mezzo. Per evitare implicazioni, può essere utile iscriversi al Portale dell’Automobilista: il sito, gestito dal Dipartimento del Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, offre un servizio di notifica della scadenza via sms o e-mail, permettendo all’automobilista di essere avvisato per tempo sul termine da rispettare.

Due le proroghe ancora in corso

Nella news "Nuove proroghe per la revisione dell’auto" abbiamo riportato che il decreto Semplificazioni rinvia:

  • il collaudo scaduto entro il 30 settembre 2020, che potrà essere eseguito fino al 31 dicembre 2020;
  • il collaudo in scadenza tra il 1° ottobre 2020 e il 31 dicembre 2020, che potrà slittare fino 28 febbraio 2021.

Dove effettuare la revisione?

Il controllo può essere eseguito presso la Motorizzazione Civile, versando una quota di 45 euro sul conto corrente 9001, oppure in una delle 8.000 officine autorizzate presenti sul territorio nazionale, in questo caso al costo di 66,80 euro. È importante ribadire che l’auto con la revisione scaduta non può circolare: il foglio di prenotazione permette al mezzo di effettuare il tragitto fino al centro dove avverrà la revisione.

Mancata revisione e assicurazione

Viaggiare con un’auto senza revisione può avere gravi conseguenze in caso di incidente stradale. L’automobilista potrebbe infatti rischiare la cosiddetta rivalsa, vale a dire la possibilità per la compagnia di assicurazione di ottenere dall’assicurato la restituzione delle somme pagate nei confronti degli altri soggetti coinvolti nel sinistro.

In tema di RC Auto, è bene dare anche un consiglio su come scegliere la polizza giusta: con Segugio.it è possibile individuare l'assicurazione più adatta alle proprie esigenze che consente di risparmiare svariate centinaia di euro.

Un esempio? Ipotizzando al 6 di novembre di voler stipulare un contratto per una Ford Kuga 1.5 TDCI 120 CV S&S 2WD ST-Line, acquistata nel 2018 da un 60enne di Bari (coniugato, prima classe di merito da almeno due anni, nessun sinistro negli ultimi cinque anni, ricovero notturno del mezzo in area recintata privata, percorrenza media annua di 15.000 chilometri annui), risulta quale miglior prezzo la polizza di Italiana Assicurazioni. La compagnia richiede un importo annuo di 357,07 euro e applica una formula di guida esperta, rendendo la quattroruote utilizzabile dal proprietario e da tutti gli abilitati alla guida maggiori di 26 anni. Qualora al momento del sinistro si trovi alla guida un conducente con età non autorizzata, Italiana Assicurazioni applicherà una rivalsa fino ad un massimo di 1.500 euro.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati