logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

RC auto, giù i costi: il prezzo medio è di 367 euro

Calano le polizze che prevedono una riduzione del premio con l'installazione della scatola nera, dispositivo che permette di registrare informazioni riguardanti il veicolo e il comportamento del guidatore. Il tasso di penetrazione della scatola nera scende di 2 punti percentuali rispetto al 2020.

Pubblicato il 08/01/2022
auto viaggia verso l'orizzonte
Scende il prezzo medio pagato per la garanzia RC auto

Scende il prezzo medio pagato per la garanzia Rc Auto. Nel terzo trimestre del 2021 il costo è risultato pari a 367 euro, in calo del 5,6 per cento su base annua. Il prezzo medio è diminuito di circa 22 euro, ma è in aumento su base trimestrale. A rivelarlo è il bollettino statistico redatto dall’Ivass, secondo cui la metà degli assicurati paga meno di 328 euro, il 90 per cento meno di 583 euro e il 10 per cento meno di 193 euro. Dai dati emerge, inoltre, che nel terzo trimestre del 2021 il prezzo medio effettivo è calato del 25 per cento rispetto allo stesso periodo del 2014.

Molto interessanti anche i dati relativi alla frequenza dei sinistri. Secondo l'Osservatorio Assicurativo Auto di Segugio.it nel 2021 si sono verificati meno incidenti rispetto al passato. La percentuale è pari al 3,1% rispetto al 4,6% registrato nel 2019.

Confronta e risparmia sulla polizza RC auto fai subito un preventivo

I prezzi in Italia

Il differenziale di premio continua a diminuire tra le macro-aree del territorio nazionale. Nel terzo trimestre dell’anno appena trascorso, infatti, il differenziale di prezzo tra la macro-area più costosa, ossia il Sud Italia, e quella meno costosa, ovvero il Nord, è di 64 euro. Dal bollettino Ivass emerge che gli assicurati del Sud pagano circa il 19 per cento in più di quelli del Nord-Ovest. Il calo è evidente rispetto al 2014, quando gli assicurati del Sud pagavano oltre il 35 per cento in più rispetto a chi viveva nelle regioni del Nord-Ovest.

Mentre la differenza di premio è più ridotta tra le macro-aree del territorio nazionale, i prezzi risultano ancora fortemente differenziati tra le province. Tra Napoli e Aosta la differenza è di 211 euro. Nonostante ciò, si assiste comunque ad una riduzione pari al 7,1 per cento su base annua e del 40,2 per cento rispetto al 2014.

Il premio a Napoli è sceso di circa 175 euro rispetto al terzo trimestre del 2014. Secondo il bollettino dell’Ivass in nessuna provincia ci sono stati aumenti di prezzo nel 2021. Anzi, il premio medio si è ridotto in buona parte delle città. È il caso di Roma dove la riduzione di prezzo su base annuale è pari a -8,9%. Seguono Vibo Valentia (-8,3 per cento), Catania (-8,0 per cento), Milano (-7,9 per cento), Crotone (-7,7 per cento), Massa-Carrara (-7,6 per cento) e Latina (-7,5 per cento).

Meno assicurati con la scatola nera

Meno assicurati con la scatola nera. Nel terzo trimestre del 2021 solo il 21,2 per cento delle polizze ha presentato una riduzione del premio grazie alla presenza della black box, dispositivo elettronico che permette di registrare tutte delle informazioni riguardanti il mezzo di trasporto e il comportamento del guidatore.

Secondo il bollettino dell’Ivass il tasso di penetrazione della scatola nera è in calo di due punti percentuali rispetto al terzo trimestre del 2020. Nel corso dell’anno, appena trascorso, abbiamo assistito ad una flessione dell’installazione del dispositivo in gran parte dei territori.

Inoltre il tasso di penetrazione della scatola nera risulta eterogeneo tra le province: i valori più elevati si registrano a Caserta (65,1 per cento), Napoli (53,8 per cento) e Reggio Calabria (38,2 per cento); il valore minimo a Bolzano (3,9 per cento).

Il calo del tasso di penetrazione della scatola nera è dunque più evidente nelle province del Centro-Sud Italia. Basta osservare i valori in alcune città, quali: Crotone (-7,1 per cento), Catania (-6,4 per cento) e Caltanissetta (-6,1 per cento). Mentre si assiste a una ripresa in alcune province del Centro-Nord, quali Cuneo (+1,6 per cento) e Savona (+0,5 per cento).

Il bollettino dell’Ivass rivela, infine, che nel terzo trimestre del 2021 la differenza del tasso di penetrazione della scatola nera tra Napoli e Milano è pari a 37,5 punti percentuali. Il dato è in calo rispetto allo stesso periodo del 2020. A Napoli, comunque, il tasso di penetrazione della scatola nera risulta più che triplo rispetto a quello di Milano.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati