Chiama gratis 800 999 555

Mercato dei veicoli industriali: meglio in estate

L'andamento del mercato dei veicoli industriali nel periodo estivo è stato positivo: si registra un +45 per cento a luglio e un 31,3 per cento ad agosto. Passi in avanti rispetto ai primi mesi dell'anno, che registravano una perdita evidente rispetto all'anno precedente.

Pubblicato il 15/09/2020

È stato positivo l’andamento del mercato dei veicoli industriali nel periodo estivo. A rilevarlo è stato il Centro Studi e Statistiche di Unrae, l’Associazione delle Case estere, che ha analizzato i dati di immatricolazione forniti dal Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti.

L’analisi ha presentato come protagonisti i veicoli industriali con massa totale a terra superiore alle 3,5t. Nei mesi di luglio e agosto è stata registrata una vera e propria inversione di tendenza rispetto al primo semestre del 2020, che si era chiuso con una perdita di -34,6% rispetto allo stesso periodo del 2019.

Dall’indagine condotta dall’Unrae si evince che a luglio si è avuta una crescita del mercato del 45% rispetto al luglio del 2019. Parliamo di ben 2.285 unità immatricolate contro 1.576. In cima alla classifica il comparto dei veicoli pesanti con massa totale a terra uguale o superiore alle 16 t che, con 1.790 unità immatricolate contro le 1.137 del luglio 2019, ha presentato una crescita del 57,4%.

Sulla stessa lunghezza d’onda il mercato dei veicoli industriali nel mese di agosto. Dallo studio emerge un aumento 31,3% rispetto all’agosto del 2019. Parliamo, dunque, di 1.285 veicoli immatricolati, contro i 979 dell’agosto 2019. La crescita ha riguardato soprattutto i mezzi pesanti, dove si sono registrate 988 immatricolazioni contro le 751 dell’agosto 2019, pari al 31,6%.

L’appello al governo

“La situazione sembrerebbe creare uno stato d’animo positivo, ma non si può dimenticare che i primi otto mesi del 2020 chiudono comunque con una perdita consolidata di -23,2% rispetto allo stesso periodo del 2019 (12.777 unità rispetto alle 16.634 dello stesso periodo dello scorso anno). È necessario, inoltre, evitare che nei rimanenti quattro mesi dell’anno la tendenza torni ad essere negativa”.

È questo l’appello che l’Unrae rivolge agli enti preposti perché non ci si trovi dinanzi ad un fuoco di paglia. Richiesto, dunque, a gran voce un impegno su tutti i fronti. L’Associazione delle Case Estere spinge perché le misure di sostegno messe in campo dal Governo possano portare presto ossigeno alle imprese di autotrasporto, ma anche alle aziende della distribuzione e assistenza dei veicoli, prima che la carenza di liquidità costringa molte a chiudere i battenti.

Per l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri, infatti, soltanto nel periodo autunnale si potranno realmente tirare le prime somme riguardo alle conseguenze economiche e sociali dell’emergenza sanitaria, che ancora risultano evidenti sul settore del trasporto e della distribuzione delle merci.

“Non siamo ancora arrivati a un sistema strutturale di incentivi, come UNRAE chiede da tempo, ma vogliamo credere che le procedure indicate per gli anni 2020 e 2021 possano servire come modello, sul quale impostare un sistema di sostegno a medio-lungo periodo, nel cui ambito dedicare poi la necessaria attenzione alle varie tipologie di veicoli, che hanno esigenze diverse nel panorama del trasporto e della distribuzione, a seconda della specificità delle loro missioni, che muteranno in funzione di vari fattori, dalla sostenibilità ambientale alla sicurezza, dall’evoluzione dell’e-commerce all’innovazione tecnologica”, incalza in una nota l’Unione Nazionale Rappresentanti Autoveicoli Esteri. L’Unrae reclama un impegno maggiore per scongiurare disastri economici e sociali e per garantire a tutti gli operatori la possibilità di poter programmare il futuro con strumenti concreti.

Fondamentale anche l’aspetto relativo al mondo delle assicurazioni. La polizza Rca (Responsabilità Civile Autoveicoli) è il contratto sottoscritto tra compagnia assicurativa e assicurato che si occupa di liquidare i danni, sia materiali che fisici, procurati dal veicolo a terzi in caso di sinistro. Tale contratto prevede che l’assicurato paghi un premio calcolato su base annuale.

Con Segugio.it puoi confrontare le assicurazioni autocarro e scegliere la soluzione più adatta e il prezzo migliore disponibile. Occorrono soltanto pochi minuti per un preventivo assicurazione autocarro.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati