Chiama gratis 800 999 555

Incidente stradale: cosa fare e cosa evitare

In caso di incidente stradale è sempre bene compilare il modulo blu di constatazione amichevole (CAI), che è valido come denuncia del sinistro. Il modulo deve essere firmato da entrambi i conducenti coinvolti solo in caso di accordo sulla dinamica dell'incidente.

Pubblicato il 11/02/2021

Essere coinvolti in un incidente stradale è un evento che può capitare a qualsiasi guidatore di un veicolo a motore. Prestare attenzione alla strada è quindi una delle regole fondamentali che il conducente deve sempre tenere a mente. La buona notizia è che nel 2020 si è registrato un crollo dei sinistri in Italia del 40%: tuttavia, il calo è da attribuire principalmente alle restrizioni alla circolazione imposte dal diffondersi del coronavirus.

Come comportarsi in caso di incidente?

In prima battuta è importante non perdere la calma, evitando discussioni e litigi, e accertarsi che tutti gli occupanti dei veicoli stiano bene. Nel caso in cui ci si renda conto che qualcuno ha subito lesioni, è prioritario prestare soccorso e avvisare telefonicamente il 118.

I veicoli non devono essere spostati se l'incidente ha causato gravi danni alle cose o alle persone: in questo caso è consigliabile chiamare le forze dell’ordine e cercare di mettere in sicurezza il luogo della collisione, in modo da segnalare il pericolo agli altri utenti della strada.

Il passo successivo è quello di compilare il modulo blu di constatazione amichevole (CAI), che è valido come denuncia del sinistro. Il modulo contiene le informazioni riguardanti le generalità dei conducenti, i dati del veicolo e i riferimenti della polizza assicurativa; in più è presente uno spazio dove è necessario disegnare la dinamica del sinistro, avendo cura di indicare i punti della collisione. Il modulo non va firmato se non si è d’accordo sulla versione dei fatti con l’altro guidatore: in questo caso può essere utile compilare due constatazioni separate.

Importante è anche individuare eventuali testimoni, visto che in caso di processo possono risultare decisivi.

Come farsi risarcire?

Per l’indennizzo il danneggiato può usufruire della procedura di risarcimento diretto, che permette di rivolgersi direttamente alla propria compagnia. L’iter potrà essere seguito se i veicoli coinvolti sono stati identificati (nonché immatricolati in Italia e con una polizza assicurativa in essere) e se le eventuali lesioni riportate sono considerate lievi (non devono superare la soglia del 9% di permanente invalidità).

In tutti gli altri casi (incidenti con più di 2 veicoli, lesioni al conducente superiori a 9 punti di invalidità, incidenti con veicoli immatricolati all’estero) si applica il risarcimento ordinario, con il danneggiato che dovrà inoltrare la richiesta di indennizzo all’impresa del veicolo responsabile del sinistro.

Tempi di indennizzo

A prescindere dalla procedura attivata, la compagnia è tenuta a formulare l'offerta di risarcimento entro 60 giorni dalla data in cui ha ricevuto la richiesta per i danni alle cose oppure entro 90 giorni in caso di lesioni alle persone. Il termine scende da 60 a 30 giorni se i due conducenti dei veicoli coinvolti hanno firmato congiuntamente il modulo.

Se l’offerta della compagnia è stata accolta dall’assicurato, l’indennizzo sarà erogato entro 15 giorni. L'eventuale disaccordo sull’entità del danno porta comunque l'assicurato ad accettare la cifra come acconto.

Incidenti con veicoli senza assicurazione

In questo caso è più opportuno far intervenire le forze dell’ordine: il verbale redatto servirà per la richiesta del danneggiato al Fondo Garanzia Vittime della Strada. I mezzi che viaggiano senza assicurazione sono un fenomeno molto diffuso in Italia: le stime parlano di circa 2,6 milioni di veicoli, vale a dire il 5,9% del parco circolante. Il problema dell'evasione assicurativa è spesso da attribuire a circostanze di natura economica, con i proprietari di vetture che fanno fatica a mettersi in regola: a tal proposito, è utile ricordare che per risparmiare sull'assicurazione basta fare un preventivo rc auto su Segugio.it, il portale online che permette di ottenere una comparazione delle tariffe assicurative in modo semplice e veloce.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati