Chiama gratis 800 999 555

Emergenza coronavirus: oltre 200.000 controlli e più di 10.000 denunce al giorno – non fatevi trovare senza polizza auto

Pubblicato il 23/03/2020

La rapida diffusione del coronavirus ha portato il Governo ad approvare una serie di misure per arginare il contagio e proteggere i cittadini.

L’uso della vettura o di qualsiasi altro veicolo di proprietà è stato limitato dal DPCM dell'8 marzo 2020 e dal successivo DPCM del 9 marzo 2020, che consentono di spostarsi solo per esigenze di salute, di lavoro e quelle strettamente necessarie, condizioni che valgono anche per chi circola a piedi. In caso di controllo delle forze dell’ordine è necessario esibire l’apposito modello di autocertificazione, scaricabile dal portale del Ministero dell'Interno, che deve riportare la ragione dello spostamento.

Accertamenti in tutta Italia

Nella sola giornata del 20 marzo sono stati effettuati 223.633 controlli, che hanno portato alla denuncia di oltre 10.000 persone: di queste, 9.888 sono state sanzionate per inosservanza degli ordini dell'autorità e 260 per dichiarazioni false a pubblici ufficiali. Numeri molto alti anche il 21 marzo, con 208.053 persone controllate e 11.068 denunciate. I dati sono stati forniti dal Viminale: dall’11 marzo ad oggi, i cittadini controllati dagli agenti su tutto il territorio nazionale sono stati oltre un milione e ottocento mila.

L’importanza dell’RC Auto per chi si sposta con la propria vettura

Con l’intensificarsi degli accertamenti della Polizia su tutta la rete stradale è fondamentale per gli automobilisti essere in regola anche con la copertura assicurativa. La necessità di limitare gli spostamenti sta spingendo i consumatori a cercare la propria assicurazione auto sul web e concludere l’acquisto direttamente online.

Una prima conferma è arrivata da Segugio.it, il portale di confronto delle assicurazioni online, secondo cui si è registrata una crescita del 25,1% dei preventivi nella Regione Lombardia e nelle altre 14 province classificate in un primo momento come "zona rossa" (o maggiormente a rischio contagio).

Con l’acquisto online il contratto si conclude comodamente da casa propria, un’azione che in questo periodo consente di evitare di uscire ed essere esposti a un eventuale pericolo di contagio. Dal punto di vista prettamente economico, un’assicurazione auto online ha un costo mediamente inferiore rispetto a quella stipulata in filiale: secondo le stime degli esperti, il risparmio sul premio assicurativo può arrivare fino al 70%. Questa diminuzione è da attribuirsi alla natura digitale del prodotto, visto che le società assicurative online hanno meno spese rispetto alle agenzie con sedi fisiche – ad esempio minori costi per la gestione del personale.

La procedura online consente anche di personalizzare l’RC Auto in modo più semplice, aggiungendo alla responsabilità civile di base le eventuali garanzie accessorie preferite. Non dimentichiamo che optando per un’assicurazione online auto/moto si ha anche il vantaggio di poter mettere a confronto in pochi secondi tutti i prodotti di questa tipologia grazie ai portali gratuiti di comparazione RC Auto.

Restare a casa è la cosa migliore

Ad ogni modo, il consiglio è quello di evitare gli spostamenti con l’auto e di uscire dalla propria abitazione solo se strettamente necessario, in accordo con #IORESTOACASA. Ricordiamo che per effettuare qualsiasi acquisto si può ricorrere al canale online: con l’inizio dell’emergenza c’è stato un vero e proprio picco dei consumi via web, un trend che è evidente anche osservando i siti leader nella comparazione dei prezzi online quali Trovaprezzi.it, tramite il quale è possibile confrontare più di 3000 negozi in totale sicurezza.

Come emerge dal nuovo Osservatorio Trovaprezzi.it si assiste a una corsa ai canali online: nella settimana dall’8 al 15 marzo, rispetto allo stesso periodo del 2019, è evidente un cambiamento delle abitudini e delle esigenze di acquisto degli italiani. 

In una sola settimana, infatti, con oltre 645 mila ricerche complessive a livello nazionale, Integratori e Coadiuvanti (oltre 222mila ricerche), Prodotti Salute (oltre 212mila) e Abbigliamento da Lavoro, oltre 211mila) svettano nella classifica di Trovaprezzi.it. Nella stessa settimana del 2019, i Prodotti Salute si posizionavano al 16° posto, con appena 45mila e 500 ricerche.

Sempre dallo stesso Osservatorio è possibile ricavare uno spaccato dell’attuale situazione italiana: nelle Top 20 Categorie aumentano in maniera significativa le ricerche di  Notebook e Stampanti, in linea con la forte crescita dello smart working nelle ultime settimane di emergenza coronavirus.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati