Chiama gratis 800 999 555

Ecobonus: ripartono gli incentivi per le auto a basse emissioni

Il rifinanziamento del fondo Ecobonus è stato inserito nel decreto Infrastrutture e trasporti approvato recentemente dal Consiglio dei ministri. Dunque, sono di nuovo operativi gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche e ibride con emissioni di CO2 comprese tra 0 a 60 grammi per chilometro.

Pubblicato il 07/09/2021
Incentivi per l'acquisto di auto elettriche e ibride

Gli incentivi per l’acquisto di auto elettriche e ibride, finiti lo scorso 26 di agosto, sono di nuovo disponibili. Il Governo, attraverso l’approvazione del decreto Infrastrutture e trasporti, ha spostato le risorse dell’Extrabonus, pari a circa 57 milioni di euro, nel fondo dell’Ecobonus.

Questa riallocazione porta però a una diminuzione del contributo totale a disposizione degli acquirenti: a fronte di un’auto da rottamare, sarà disponibile un bonus di 6.000 euro (e non 10 mila euro) per l’acquisto di vetture nuove con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 20 grammi per chilometro (elettriche) e di 2.500 euro (contro i precedenti 6.500 euro) per quelle che rientrano nel range 21-60 grammi per chilometro (ibride plug-in).

Il nuovo incentivo scende rispettivamente a 4.000 e 1.500 euro senza rottamazione.

Risparmia subito sulla tua rc auto fai un preventivo

Auto elettriche e ibride: perché convengono?

Le minori emissioni di queste vetture consentono all’automobilista di godere dell’esenzione permanente dai blocchi del traffico presenti in molte Regioni.

I benefici riguardano anche il bollo. Nella maggior parte delle Regioni le auto elettriche e ibride godono dell'esenzione dal pagamento del bollo per tre e cinque anni a decorrere dalla data di prima immatricolazione.

Da non dimenticare anche il risparmio sull’assicurazione auto. Le stime dicono che la tariffa assicurativa di una vettura elettrica è mediamente più bassa del 20-30% rispetto a quella di un’auto dello stesso segmento con alimentazione diesel o benzina, mentre per le ibride il risparmio si attesta tra il 5% e il 10%.

Un esempio di simulazione con Segugio.it può dare l’idea di quanto si può spendere: un generico assicurato di Montalto di Castro (provincia di Viterbo) – funzionario 55enne in prima classe di merito da almeno due anni, , nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza di 7.500 chilometri ogni 12 mesi – che ha assicurato una Mazda MX30 (elettrica) alla fine agosto, ha potuto contare sul miglior preventivo di Italiana Assicurazioni. Il premio applicato dalla compagnia è stato di soli 140,52 euro per una copertura con formula di guida esperta, che ammette solo conducenti con più di 26 anni.

Confronta le assicurazioni auto e risparmia trova la migliore per te

Gli altri incentivi in vigore

Il bonus riguarda le autovetture con emissioni da 60 a 135 gr/km, che usufruiscono di un fondo pari a circa 130 milioni di euro. Per questa categoria di veicoli, in cui rientrano soprattutto i modelli diesel e benzina, lo sconto è solo con rottamazione e ammonta a 3.500 euro.

Il recente Decreto legge Sostegni bis ha previsto anche un taglio sul prezzo di listino per l’usato, ma sempre con l'obbligo di rottamare un vecchio veicolo che abbia almeno 10 anni e che sia intestato a chi acquista da almeno 12 mesi. I contributi variano a seconda del livello di emissioni di CO2 dell'auto da comprare.

Le cifre disponibili per il bonus usato sono tre:

  • 2.000 euro se la vettura usata rientra nella fascia 0-60 g/km (grammi per chilometro) di CO2 (anidride carbonica);
  • 1.000 euro se rientra nel range 61-90 g/km di CO2;
  • 750 euro se appartiene alla fascia 91-160 g/km di CO2.

Gli incentivi sono destinati solo alle persone fisiche, con il prezzo della vettura da acquistare (solo con classe di emissione Euro 6) che non può superare i 25.000 euro.

A cura di: Enrico Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati