Chiama gratis 800 999 555

Cashback: rimborso anche per bollo auto e multe

Il Cashback di Stato si allarga: ora è possibile ottenere il rimborso del 10 per cento anche per il pagamento del bollo auto e delle multe. I consumatori devono pagare con Bancomat, carta di credito o con Satispay per ricevere il bonus. Sono escluse le transazioni online.

Pubblicato il 04/01/2021

Grazie al Cashback di Stato sarà possibile ottenere il rimborso del 10% anche per il pagamento del bollo auto e delle multe. Bisognerà, però, pagare con Bancomat, carta di credito o con Satispay. La transazione va fatta presso un esercizio fisico e non su canali online. Sarà necessario, ad esempio, pagare il bollo auto presso una tabaccheria e le multe presso l’ufficio postale per ricevere il ‘compenso’. Il rimborso massimo per ogni singola transazione è di 15 euro.

Cos’è il Cashback

Il Cashback permette di ottenere il rimborso del 10% sull’importo degli acquisti effettuati con carte di credito, carte di debito e prepagate, bancomat e app di pagamento in negozi, bar, ristoranti, supermercati e grande distribuzione o per artigiani e professionisti. Non sono validi gli acquisti online.

Non ci sono importi minimi di spesa e si possono ottenere rimborsi fino a 300 euro l’anno. Ogni 6 mesi, se si effettuano un minimo di 50 pagamenti, si riceve il 10% dell’importo speso, sino a un massimo di 150 euro di rimborso totale.

Quanto dura il programma?

Il Cashback si divide in quattro periodi. Il primo periodo sperimentale, detto Extra Cashback di Natale, è iniziato l’8 dicembre e si è concluso il 31 dicembre 2020.

A partire dal primo gennaio 2021 sono previsti tre ulteriori periodi della durata di sei mesi ciascuno:

  • Primo semestre: dal primo gennaio al 30 giugno 2021
  • Secondo semestre: dal primo luglio al 31 dicembre 2021
  • Terzo semestre: dal primo gennaio 2022 al 30 giugno 2022

La partecipazione al programma avviene esclusivamente su base volontaria. I requisiti per aderire al Cashback sono due: aver compiuto 18 anni ed essere residenti in Italia.

Quali strumenti di pagamento elettronici sono inclusi?

Per partecipare al Cashback di Stato, programma volto ad incentivare l’uso della moneta elettronica e a far fronte all’evasione fiscale, bisogna effettuare transazioni tramite Pos fisici o altri dispositivi di accettazione di pagamenti con:

  • carte di credito
  • carte di debito su circuiti internazionali e su circuito PagoBancomat
  • carte prepagate
  • le cosiddette carte fedeltà, ovvero carte e app di pagamento connesse a circuiti privativi e/o a spendibilità limitata (esclusi, quindi, quelli solo per accumulo punti);
  • app di pagamento, come ad esempio Satispay o BANCOMAT Pay;
  • altri sistemi di pagamento, come ad esempio Google Pay e Apple Pay (a partire dal 2021).

Come avviene il rimborso?

Sono due le tipologie di rimborso previste, così come illustrato sul sito ufficiale del programma Italia Cashless: il primo, detto Cashback, avviene in misura percentuale per ogni transazione eseguita con uno strumento di pagamento elettronico registrato per l’adesione del programma; il secondo, detto Super Cashback, è un rimborso speciale di tipo forfettario erogato sulla base di una graduatoria che tiene conto del numero di transazioni effettuate entro un dato periodo del programma, con gli strumenti di pagamento elettronici registrati. Questa tipologia di rimborso non è prevista per il periodo sperimentale (Extra Cashback di Natale).

Al termine di ciascun periodo si ferma il conteggio delle transazioni che permettono di ottenere i relativi rimborsi. Il conteggio riparte così da zero quando si dà il via al periodo successivo.

Per accedere al primo rimborso, quello relativo al periodo di Natale, il numero minimo è di 10 transazioni. Per ciascuno dei tre semestri successivi il numero minimo è di 50 operazioni. Le transazioni di importo superiore a 150 euro concorrono fino all’importo massimo di 150 euro. Non si andrà mai oltre un rimborso superiore a 1.500 euro nel singolo periodo.

In aggiunta al rimborso percentuale, i primi 100.000 aderenti che - nel singolo periodo del programma  - abbiano totalizzato il maggior numero di transazioni regolate con strumenti di pagamento elettronico, hanno diritto a un rimborso speciale di tipo forfettario (il cosiddetto “Super Cashback”) pari a 1.500 euro.

L’erogazione dei rimborsi da parte di Consap S.p.A. avviene tramite bonifico sul codice IBAN che è stato indicato dai consumatori al momento dell’adesione al programma o successivamente, e comunque entro e non oltre la scadenza di ciascun periodo di riferimento.

Ecco le scadenze dei rimborsi maturati:

  • Periodo sperimentale Extra Cashback di Natale: febbraio 2021
  • Primo semestre (1°gennaio 2021 - 30giugno 2021): entro 60 giorni dal termine del periodo
  • Secondo semestre (1°luglio 2021 - 31 dicembre 2021): entro 60 giorni dal termine del periodo
  • Terzo semestre (1°gennaio 2022 - 30 giugno 2022): entro 60 giorni dal termine del periodo
A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati