Chiama gratis 800 999 555

Calano gli acquisti di auto dei privati con Partita Iva

Si sono ridotti nel 2019 gli acquisti di autovetture da parte dei privati con Partita Iva. I cali maggiori si registrano soprattutto per gli agenti di commercio e per gli agricoltori. Il diesel è al primo posto delle preferenze e Roma è regina per immatricolazioni.

Pubblicato il 02/10/2020

Gli acquisti di auto da parte di privati con Partita Iva calano anche nel 2019. È la fotografia scattata dal Centro Studi e Statistiche Unrae in collaborazione con l’Istat. Il calo è pari al -4,4% rispetto al 2018: le immatricolazioni di vetture nella categoria privati con partita Iva ammontano a 208.213 nel 2019. In questo stesso anno le immatricolazioni a privati in totale sono state 1.095.097: il numero è immutato rispetto al 2018. Da ciò si deduce che il mercato delle Partite Iva sul totale dei clienti privati è andato a diminuire del 19% rispetto al 19,9% del 2018.

Dall’indagine risulta che le flessioni maggiori si registrano per gli agenti di commercio e gli agricoltori. I primi hanno registrato un calo pari a -10,1%. In seconda posizione gli agricoltori con acquisti in calo del -6,1%. Le imprese individuali, tra i protagonisti di questo mercato, registrano immatricolazioni in calo del -3,2%. Seguono i professionisti con volumi in calo pari a -2,7%. La quota di mercato posseduta dai professionisti pari al 23,3% è così suddivisa: Studi legali (5,2%) Commercialisti (3,4%), Società di consulenza (2,5%), Ingegneri (2,4%), Architetti (2,0%), Geometri (1,6%) e altri (6,2%).

Il diesel al primo posto delle preferenze

I privati possessori di Partita Iva preferiscono le auto a diesel (44,6%). Nonostante il primato, però, anche il diesel perde qualche punto, con esattezza 11, rispetto al 2019. Con 8 punti di distanza - secondo lo studio pubblicato da Unrae - ci sono i motori a benzina (36,8%). In leggero recupero c’è poi il Gpl (6,7%), mentre il metano è stabile (2,8%). Le auto elettriche quadruplicano in quota e le auto ibride, invece, acquistano altri 2,4 punti, arrivando a superare l’8% del totale.

Le carrozzerie più gettonate dai privati con partita Iva

È il crossover il tipo di auto più richiesto dai privati con partita Iva. Questi veicoli vengono scelti dal 40% e si confermano al primo posto. L’aumento rispetto al 2018 è di 3,4 punti. A scivolare di oltre un punto sono le berline. Giù pure i fuoristrada, monovolume e stagion wagon che tra i privati, però, presentano comunque una quota maggiore rispetto al totale dei canali privati. Occupano un posto stabile le auto sportive. Lieve aumento per le multispazio.

Roma è la regina di immatricolazioni

L’analisi di Unrae, in collaborazione con l’Istat, ha eletto Roma quale “regina” per immatricolazioni di privati possessori di partita Iva (6,9%). Al secondo posto c’è la città di Milano (6,4%). A seguire ci sono Torino (4,2%), Napoli (2,5%), Bologna (2,4%), Firenze (2,4%), Brescia (2,1%), Padova (2,1%), Verona (2,0%) e Bari (2,0%). Risultano, dunque, allineate per numero di immatricolazioni Napoli, Bologna e Firenze.

La città di Napoli presenta una quota più alta rispetto al totale privati (2,5% rispetto a 2,1%). Stesso discorso per Bari che con il 2% prende le distanze dall’1,4% rappresentato nel totale canale privati.

Sempre più acquisti in leasing

Quello del finanziamento in leasing è lo strumento più usato per gli acquisti di autovetture da parte dei privati con partita Iva. Nel 2019 il leasing sale di un altro punto e arriva al 10,7% del totale. Nel totale mercato privati il leasing è pari, invece, al 3,6%.

L’età di chi acquista auto con partita Iva

Sono le persone di età compresa tra i 35 e i 45 anni quelle che più acquistano auto con Partita Iva. La quota è leggermente in calo nel 2019, ma comunque più alta del totale mercato privati. A scendere di mezzo punto c’è anche la fascia da 46 a 55 anni, con 3 punti in più rispetto al totale privati. Risultano, invece, in lieve recupero i 56-65enni che mantengono una penetrazione più alta rispetto al totale canale privati. Nessuna variazione in confronto agli anni scorsi per i giovani che toccano il 5%, mentre salgono di 0,7 punti gli over 65 anni. Queste due ultime fasce risultano oggettivamente meno rappresentative nel mondo delle partite IVA.

Grazie a Segugio.it puoi trovare l’assicurazione auto più adatta alle tue esigenze. Inoltre puoi restare sempre aggiornato sull’andamento delle tariffe Rc Auto grazie all’osservatorio assicurazioni.

A cura di: Tiziana Casciaro
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati