Bollo auto: le Regioni possono decidere sull’esenzione

07/06/2019

Bollo auto: le Regioni possono decidere sull’esenzione

Una recente sentenza della Corte Costituzionale apre nuove prospettive in materia di autonomia decisionale sul bollo auto da parte delle Regioni.

Dall’ordinanza emessa, la numero 22/2019, si deduce che i singoli governi territoriali possono introdurre esenzioni della tassa anche se non previste dalla legge nazionale, con il solo vincolo di non aumentare il carico fiscale oltre i limiti fissati dallo stesso legislatore statale. In base a questa sentenza, le Regioni potrebbero addirittura non far pagare il tributo ai proprietari dei veicoli.

Le agevolazioni previste dallo Stato

Può astenersi dal corrispondere la tassa chi usufruisce dei benefici della Legge 104, vale a dire le persone affette da handicap accertato e i loro caregiver.

Per i mezzi di interesse storico e collezionistico di età compresa tra i 20 e i 29 anni, la tassa di possesso è stata ridotta del 50% grazie all’ultima Legge di Bilancio 2019. L’agevolazione, di cui parliamo anche nella news “Taglio netto sul bollo dei veicoli storici”, viene applicata a condizione che i motoveicoli e gli autoveicoli siano in possesso del Certificato di Rilevanza Storica e Collezionistica rilasciato da ASI (Automotoclub Storico Italiano), FMI (Federazione Motociclistica Italiana) e Registri di Marca, e che tale riconoscimento sia annotato sul libretto di circolazione.

Come si determina l’importo del bollo

Nell’articolo “Bollo auto: come si calcola in Italia e nel resto d’Europa?” abbiamo specificato che per il calcolo bisogna tenere conto della potenza in kilowatt (kW) dell’auto e della classe ambientale di appartenenza. Per le quattroruote più recenti, classe Euro 4, Euro 5 ed Euro 6, si pagano 2,58 euro a kW fino a 100 kW e 3,87 euro per ogni kiloWatt eccedente; diversi gli importi delle vetture che inquinano di più, con le Euro 3 che fanno pagare rispettivamente 2,70 e 4,05 euro, le Euro 2 2,80 e 4,20 euro, le Euro 1 2,90 e 4,35 euro e le Euro 0 3 e 4,5 euro.

La spesa per la tassa di proprietà è aumentata

Secondo un’analisi dell’Unione Europea delle cooperative Uecoop su dati Istat, l’importo speso da famiglie e imprese per l’imposta si è attestato sui 6,7 miliardi di euro, un ammontare che è salito nell’ultimo quinquennio del 17,7%. “Fra il 2013 e il 2017”, spiega in una nota l’Uecoop, “le tasse pagate dagli italiani per la macchina sono aumentate al ritmo medio di oltre 200 milioni di euro all’anno. Il costo del trasporto privato è poi appesantito dal costo dei carburanti, con l’Italia che è fra i Paesi al mondo dove la benzina è più cara. Il bollo auto si somma così alla spesa carburanti, con pesanti ripercussioni sia sui bilanci delle famiglie e delle imprese”.

Anche l’assicurazione tra le spese a cui fare attenzione

In questo caso è possibile risparmiare grazie alla concorrenza tra le varie compagnie che operano sul mercato, mentre quelle online conquistano sempre più le preferenze dei guidatori. Le assicurazioni online più convenienti si trovano su Segugio.it, che confronta le migliori tariffe RC Auto per ogni tipologia di utente. Un esempio? Ipotizzando di voler stipulare un contratto per una Alfa Romeo Giulietta 1.6 JTDm-2 105CV Distinctive immatricolata nel 2013 di proprietà di un’automobilista 55enne residente a Milano (impiegato, coniugato, prima classe di merito da almeno 2 anni, guidatore unico, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 20.000 chilometri), si distingue la soluzione offerta da Verti, che propone una formula di guida esperta (solo conducenti di età superiore ai 23 anni) a 278,91 euro ogni 12 mesi. Ottimi i massimali, che coprono fino a 7 milioni di euro per i danni alle persone e fino a 2,5 milioni di euro per quelli alle cose.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Bollo auto: le Regioni possono decidere sull’esenzione Valutazione: 4,7/5
(basata su 3 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare