Auto Ue: crolla il diesel, boom dei veicoli elettrici

26/05/2019

Auto Ue: crolla il diesel, boom dei veicoli elettriciIl mercato dell’auto europeo fornisce un chiaro segnale degli effetti della demonizzazione del diesel. Non di meno vengono ‘premiate’ le politiche fiscali-ambientaliste varate nell’ultimo periodo dalle autorità.

Nel primo trimestre di quest’anno, circa il 60% di tutte le nuove vetture immatricolate nell’Unione europea ha una alimentazione a benzina, mentre meno di un terzo ha come alimentazione il gasolio. È quanto emerge dal più recente rapporto Acea, secondo il quale l’attenzione del consumatore si sta rapidamente spostando dal carburante fossile a veicoli con un’alimentazione più rispettosa dell’ambiente. Infatti, tutte le auto con un’alimentazione alternativa hanno rappresentato nello stesso periodo preso in considerazione l'8,5% delle immatricolazioni effettuate sul mercato Ue. In particolare i veicoli elettrici (Ecv) si sono attestati al 2,5% del totale delle auto vendute in tutta l’area durante il primo trimestre.

Abbiamo parlato, data l'estrema attualità del tema ambientale, nella news "Le città italiane puntano a una mobilità sempre più elettrica" dei rapporti di Legambiente sulla mobilità a emissioni zero e sugli strumenti di cui si stanno dotando i principali centri italiani.

+21,6% in Italia vendite auto a benzina nel primo trimestre

Con l’eccezione della Germania, la domanda di auto a benzina è aumentata nei cinque maggiori mercati automobilistici dell'Ue, con l'Italia che ha registrato la percentuale più elevata (+21,6%). Di riflesso, la quota di mercato della benzina è aumentata al 59,3% dal 55,5%. 

D'altra parte, le immatricolazioni di auto diesel sono diminuite nella maggior parte degli Stati membri dell'Ue tranne che in Germania, Estonia, Lettonia e Lituania. In generale la quota di auto diesel nel mercato è comunque diminuita ulteriormente, di quasi 6 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre di un anno fa, e oggi si colloca al 32,2% del mercato.

Nel dettaglio, tra gennaio e marzo di quest’anno, la domanda di auto ad alimentazione alternativa è balzata del 25,9%. La crescita è stata alimentata in particolare dal segmento dei veicoli elettrici, in aumento del 40,0% con 99.174 unità registrate. All'interno di questo segmento, secondo i dati Acea, le vendite di veicoli elettrici a batteria (Bev) hanno registrato una vera e propria impennata, dell’84,4%, mentre le immatricolazioni di veicoli ibridi plug-in sono rimaste sostanzialmente piatte. Anche il segmento dei veicoli elettrici ibridi (Hev) ha ottenuto buoni risultati, con un incremento del 33,3% a un totale di 184.808 unità vendute nei primi tre mesi dell'anno.

In calo le registrazioni di vetture Gpl e Ngv

Sempre in questo periodo le immatricolazioni di auto a Gpl e Ngv sono calate del 7,2%, di riflesso soprattutto alla forte diminuzione della domanda di vetture a gas naturale (Ngv). Le registrazioni di veicoli ad alimentazione alternativa sono aumentate in modo significativo in tutti i principali mercati dell'Ue.

I maggiori guadagni in termini di percentuali sono stati registrati in Germania (+62,9%), grazie in primis al raddoppio delle vendite nel settore ibrido, e in Spagna (+48,9%). Gli esperti prevedono che lo spostamento del mercato verso un parco macchine più verde sia ormai un fenomeno irreversibile, anche perché i consumatori sono diventati più sensibili alle problematiche ambientali, soprattutto se incontrano ‘dall’altra parte’ una penalizzazione fiscale. 

Attenzione al peso del fisco

Infatti, non bisogna dimenticare che se da una parte le scelte degli acquirenti sono condizionate dalle spese accessorie che comporta l’acquisto di un’auto, dall’altra tendono sempre più a valutare la presenza del fisco. Secondo l’Acea, infatti, le auto sono i beni di consumo più tassati nein Paesi europei, dove nell’ultimo periodo hanno adottato politiche diverse nel trattare veicoli inquinanti e meno.

A fare la differenza è anche la potenza dell’auto che si acquista e, con essa, la spesa che un acquirente deve affrontare per assicurarla.

A questo riguardo, il portale Segugio.it offre un servizio di comparazione delle varie polizze Rc proposte dalle compagnie, grazie al quale il consumatore può ‘disegnare’ una polizza in base alle proprie necessità.

A cura di: Fernando Mancini

Come valuti questa notizia?
Auto Ue: crolla il diesel, boom dei veicoli elettrici Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare