Auto con targa straniera: prime multe con l’applicazione della nuova legge

28/12/2018

Auto con targa straniera: prime multe con l’applicazione della nuova legge

La nuova legge numero 132 del primo dicembre 2018, che disciplina la circolazione in Italia dei veicoli con targa straniera, ha già fatto scattare una serie di multe da parte delle Forze dell’Ordine.

Il fenomeno delle auto immatricolate all’estero è molto diffuso e viene utilizzato dagli automobilisti per godere di una serie di vantaggi, come il mancato versamento del bollo, il pagamento ridotto dell’RC Auto, la mancata notifica di multe e la sottrazione del veicolo ai controlli del Fisco italiano.

Le prime sanzioni sono state elevate a Firenze, Trento e Mestre, e hanno riguardato cittadini stranieri con residenza in Italia che viaggiavano su auto immatricolate nel loro Paese d’origine. In particolare, nel capoluogo toscano la Polizia Municipale ha multato due guidatori residenti sul territorio nazionale da diversi anni ma che erano alla guida rispettivamente di un’auto con targa romena e spagnola. Entrambi sono stati sanzionati con una multa di 498,40 euro, oltre al sequestro della quattroruote. 

Cosa prevede la nuova norma?

La Legge ha modificato gli articoli 93 e 132 del Codice della Strada. Nel primo viene inserito il divieto di circolare con un veicolo immatricolato all’estero a chi ha la residenza sul territorio italiano da oltre 60 giorni.

L’articolo 132 prevede invece che il mezzo con targa straniera può essere utilizzato liberamente solo se è stato concesso in leasing o a titolo di noleggio al soggetto fermato alla guida, una condizione che deve essere provata da un documento completo di data certa, firma dell’intestatario, titolo e durata della disponibilità. In più tale documento, da tenere obbligatoriamente a bordo del mezzo, deve certificare che la società concedente non ha sede secondaria o effettiva in Italia.

Nella news “Targhe straniere: in arrivo le nuove norme per circolare in Italia” abbiamo specificato che gli automobilisti non legittimati a circolare con targa estera sono soggetti a una sanzione amministrativa il cui importo varia dai 712 ai 2.848 euro. Previsto anche il sequestro della carta di circolazione e il trasporto del veicolo in un luogo chiuso al pubblico passaggio: dopo 180 giorni dalla violazione, in assenza di immatricolazione italiana o richiesta del foglio di via, l’auto sarà confiscata. Chi invece ha un mezzo in comodato ma non ha a bordo il documento che ne attesta la disponibilità, deve pagare una multa compresa tra i 250 e i 1.000 euro, oltre a dover esibire lo stesso documento alle Autorità entro 30 giorni.

Una nuova RC Auto per i mezzi da reimmatricolare

I non autorizzati a circolare con un veicolo con targa estera devono reimmatricolarlo in Italia. Una volta completato questo iter, si dovrà procedere con la stipula obbligatoria della copertura assicurativa: ricordiamo che la responsabilità civile autoveicoli (RCA o RC Auto) è stata imposta per legge dal 1969 e permette ai guidatori di garantirsi dai rischi derivanti da eventuali danni cagionati a persone o cose a seguito della circolazione dei veicoli a motore.

Per scegliere la polizza più appropriata alle proprie esigenze al prezzo più basso del mercato, basta cercarla su Segugio.it, che confronta le assicurazioni più convenienti delle compagnie partner. Il sistema di calcolo del portale fornisce risultati mirati per ogni profilo di utente perché analizza in modo preciso e veloce tutte le informazioni inserite, in più permette di personalizzare i preventivi ottenuti selezionando le garanzie accessorie preferite.

Solo a titolo d’esempio, per assicurare una Nissan Micra 1.5 dCi 8V 5 porte Visia+ (40enne di Firenze che si trova in prima classe di merito, zero sinistri con colpa negli ultimi 5 anni, percorrenza media di 10.000 chilometri ogni 12 mesi) risulta quale miglior prezzo quello praticato da Verti, 334,49 euro. La compagnia offre un contratto in cui la guida esperta rende il mezzo utilizzabile solo da tutti i guidatori che hanno un’età superiore ai 26 anni; i massimali sono di 7 milioni di euro per i danni alle persone e di 2,5 milioni di euro per quelli alle cose.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Auto con targa straniera: prime multe con l’applicazione della nuova legge Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare