logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

RC Auto: nel 2017 calano raccolta e premi assicurativi

Pubblicato il 16/11/2018
RC Auto: nel 2017 calano raccolta e premi assicurativi

Si abbassano durante il 2017 i prezzi assicurativi per il comparto auto, un dato pubblicato lo scorso 25 ottobre dal Bollettino Statistico dell’IVASS, l’Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni.

Il premio medio di ogni polizza emessa per il settore RC Auto e Natanti, al netto degli oneri fiscali e parafiscali, si è attestato sui 339 euro, facendo segnare un -3,7% rispetto all’anno 2016, una percentuale in rallentamento se si guarda il ritmo di riduzione dei quattro anni precedenti. Per le sole autovetture, l’importo medio è stato pari a 336 euro.

Il dato emerso dal Bollettino dell’IVASS è coerente con quanto riportato nella news “RC Auto e risparmio: il reale trend dei prezzi” attraverso le parole di Emanuele Anzaghi. Secondo il vicepresidente di Segugio.it, il calo dei prezzi delle polizze per le quattroruote sarebbe stato negli ultimi 5 anni del 25%, un valore derivato in particolare dagli utenti che hanno scelto di cambiare compagnia o che hanno assicurato mezzi nuovi.   

In diminuzione la raccolta

L’indagine evidenzia che i premi raccolti nel 2017 dalle 43 imprese nazionali e rappresentanze di compagnie estere con sede legale in uno stato extra SEE, sono stati pari a 13.234 milioni di euro. Si tratta del sesto calo consecutivo, -2,2% rispetto all’anno precedente, anche se quest’ultimo è inferiore a quello dei precedenti quattro anni del range 2013-2016. La raccolta si è concentrata soprattutto nelle regioni del Nord (46,5%), dove la quota è in lieve aumento, mentre nettamente più bassa, e anche in calo, sono le percentuali al Sud (da 21,7% a 20,7%) e al Centro (da 23% a 22,8%).

In calo anche il numero di sinistri

Lo scorso anno sono stati denunciati alle compagnie 2.184.835 incidenti (vale a dire il 5% in meno di quelli registrati nel 2012), di cui il 67,2% sono stati liquidati entro il 31 dicembre. Per quanto riguarda il pagamento medio per singolo sinistro, è stato di 2.516 euro, un valore che si riduce  del 2,8% rispetto al 2012.

Ricordiamo che nella maggior parte dei sinistri l’assicurato può utilizzare la procedura del Risarcimento diretto, disciplinato dall’articolo 149 del Codice delle Assicurazioni, secondo cui è la stessa compagnia del danneggiato a intervenire nel coprire tutti i danni subiti. L’indennizzo diretto può essere applicato in presenza dei seguenti requisiti:

- il sinistro si è verificato soltanto tra due veicoli;

- entrambi i veicoli coinvolti devono essere identificati, essere stati immatricolati in Italia e con una polizza assicurativa in essere;

- in caso di feriti, le lesioni da essi riportate devono essere considerate lievi, ovvero non devono superare la soglia del 9% di permanente invalidità;

- in caso di incidente con un ciclomotore, questo deve essere stato immatricolato dopo il 14/06/2006;

- il sinistro deve essere stato effettuato con urto.

Un consiglio sulla polizza più economica

La migliore tariffa si ottiene confrontando le proposte da parte delle assicurazioni, semplicemente effettuando una simulazione su Segugio.it.

Ipotizzando al 6 di novembre di voler assicurare una Mini 1.5 Cooper D 5 porte (acquistata da un 40enne di Frosinone, prima classe di merito, zero sinistri negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 20.000 chilometri), si scopre che il prezzo più basso è quello di Verti che propone una copertura per guidatori esperti (più di 26 anni) a 346,04 euro. Buoni i massimali, che si attestano sui 7 milioni di euro per i danni alle persone e a 2,5 milioni di euro per quelli alle cose.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati