Una piattaforma per velocizzare i risarcimenti e ridurre le frodi

03/08/2018

Una piattaforma per velocizzare i risarcimenti e ridurre le frodi

Migliorare il servizio offerto agli assicurati e rendere la polizza più economica sono i principali obiettivi che Sara Assicurazioni vuole raggiungere tramite l’utilizzo di una nuova piattaforma digitale.

Parliamo di Insoore, un software realizzato dalla startup Whoosnap che effettuerà, in real time e on demand, l’ispezione fotografica del mezzo nelle fasi preassuntive, vale a dire alla stipula e al rinnovo de contratto. Insoore permetterà di certificare lo stato del veicolo e di comparare nel tempo le sue condizioni al fine di ridurre le frodi assicurative. Il suo impiego consentirà inoltre di ridurre significativamente i tempi di gestione di un sinistro, garantendo così un importante risparmio in termini economici e una liquidazione più veloce del danno: si passa dai 20 giorni mediamente richiesti dagli attuali flussi delle compagnie a meno di 24 ore.

Assicurati agevolati

La verifica dello stato del veicolo, tramite ispezione da parte della compagnia, permetterà agli assicurati di ricevere uno sconto sulla tariffa RC Auto, una prassi che è in linea con quanto deciso in ambito assicurativo dal Ddl concorrenza.

“Con Sara”, spiega Enrico Scianaro, CEO di Whoosnap, “andremo a lavorare su una fase importante del ciclo di vita di una polizza, quella della stipula, che rappresenta il momento durante il quale si stabilisce il rapporto di fiducia tra il cliente e la compagnia. L'obiettivo di questa partnership è quello di incentivare la trasparenza tra Sara e i propri assicurati, intervenendo su due fronti: da un lato riducendo il rischio da frode e dall'altro abbassando il costo della polizza per gli assicurati”.

Ricordiamo che il servizio sarà operativo in 40 agenzie Sara Assicurazioni presenti nelle città di Roma, Milano, Bologna, Firenze e Torino.

A proposito di sinistro

Ricordiamo che dopo un incidente si deve sempre redigere il modulo blu di constatazione amichevole (CAI). La procedura va seguita non tanto per stabilire la colpa del sinistro, ma per spiegare e mettere per iscritto quanto accaduto. Il modello non va firmato se non si è d’accordo sulla versione dei fatti con l’altro guidatore: un’alternativa può essere quella di compilare due constatazioni separate.

Importante è anche individuare possibili testimoni, visto che in un eventuale processo possono risultare decisivi. La Legge annuale per il mercato e la concorrenza – la riforma di cui parliamo nella news “Ddl concorrenza: sconti RC Auto a rischio senza il decreto attuativo” – ha inserito l’obbligo di indicarli sin dalla denuncia di sinistro o dal primo atto formale del danneggiato nei confronti dell’impresa. In più, se la persona ha testimoniato in almeno tre cause per incidenti stradali, il giudice trasmetterà il suo nominativo alla Procura della Repubblica per accertamenti relativi al reato di falsa testimonianza.

Ricordiamo che per l’indennizzo il danneggiato può usufruire della procedura di risarcimento diretto, che permette di rivolgersi direttamente alla propria compagnia al fine di snellire il procedimento. L’iter potrà essere seguito se i veicoli coinvolti sono stati identificati (nonché immatricolati in Italia e con una polizza assicurativa in essere) e se le eventuali lesioni riportate sono considerate lievi (non devono superare la soglia del 9% di permanente invalidità).

Qualche chiarimento sull’importo risarcito

L’indennizzo dovuto dalla compagnia equivale normalmente ai costi necessari per la riparazione della vettura danneggiata. Tuttavia, quando il veicolo sinistrato è datato può accadere che il costo della riparazione superi il suo valore commerciale e quasi sempre, in questi casi, la compagnia paga la riparazione fino a un importo massimo che corrisponde all’attuale valore dell’auto. Questa prassi fa sì che solitamente il danneggiato rinunci alla sistemazione del mezzo: qualora in sostituzione decidesse di acquistare un’altra quattroruote, gli spetterà una somma composta dal valore della vecchia vettura, dalle spese di rottamazione del relitto (e di immatricolazione di quella nuova) e dall’importo della tassa di circolazione (limitatamente alla parte non ancora goduta).

E un consiglio sulla migliore assicurazione

Per individuare la polizza adatta alle proprie esigenze basta andare su Segugio.it, il portale che confronta i preventivi più convenienti offerti dalle compagnie partner. Solo a titolo d’esempio, la richiesta per assicurare una Ford Fiesta 7ª serie 1.5 TDCi 5 porte Plus da parte di un generico utente (34enne di Bologna in seconda classe di merito, percorrenza di 20 mila chilometri annui, nessun sinistro negli ultimi 5 anni) vede quale polizza più economica l’offerta di Verti, che propone un prezzo di 329,12 euro. La tariffa della compagnia è particolarmente vantaggiosa grazie all’applicazione della formula di guida esperta, che consente di condurre il mezzo ai soli patentati maggiori di 26 anni. I massimali applicati ammontano a 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni di euro a quelli alle cose. Nel caso in cui il veicolo assicurato sia guidato da persona in stato di ebbrezza e solamente per il primo sinistro, Verti limiterà la rivalsa nei confronti dell’assicurato, del proprietario e del conducente a 2.500 euro.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Una piattaforma per velocizzare i risarcimenti e ridurre le frodi Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare