Chiama gratis 800 999 555

RC Auto: il rimedio ai nuovi aumenti

Pubblicato il 21/07/2018

Cambia nel pieno dell’estate il trend dei prezzi RC Auto, mentre gli automobilisti dovranno fare i conti con l’aumento delle tariffe assicurative al momento di rinnovare la polizza.

Nella news “RC Auto e risparmio: il reale trend dei prezzi” avevamo già anticipato le previsioni degli esperti sulla crescita degli importi e il portale di Segugio.it lo ha appena confermato con il suo ultimo Osservatorio, che ha monitorato al 30 giugno 2018 migliaia di preventivi effettuati dagli utenti.

Nel primo semestre il miglior prezzo medio RC auto ha toccato quota 440 euro, che si traduce in un incremento dell’1% rispetto alla seconda parte del 2017; tuttavia, a preoccupare è il dato mensile di giugno, dove il best price ha raggiunto i 455 euro.

Prezzi in calo fino al 2017

Eppure fino allo scorso anno si era assistito a un calo generale dei valori, con il prezzo medio per la polizza auto che si era ridotto dal 2012 al 2017 di circa il 27%. Il dato è stato calcolato dall’ANIA, l’Associazione Nazionale delle Imprese Assicuratrici, che nella relazione annuale ha spiegato come la discesa fosse da attribuire anche al contenimento dei sinistri e delle frodi. L’andamento al ribasso ha fatto sì che si arginasse parte del divario delle tariffe italiane con quelle europee: la differenza rispetto alla media UE è infatti passata nello stesso periodo da 213 a 78 euro, mentre il gap tra le varie Regioni italiane è diminuito di quasi il 40%.

Gli altri dati di Segugio.it

Gli assicurati cercano sempre di più una copertura RC Auto completa, visto che rispetto allo scorso semestre aumentano gli utenti che scelgono di inserire in polizza la garanzia Incendio e Furto e altre garanzie accessorie (ora al 23,3%). Bene anche le garanzie Kasko o Minikasko, con il dato attuale che si attesta al 3,4% (+0,4% sul precedente periodo). Per quanto riguarda il Bonus Malus, si nota una percentuale più alta di utenti nella prima classe di merito, 62% (+2% rispetto al semestre precedente). Coerentemente, cresce il numero di assicurati che non hanno commesso sinistri negli ultimi 5 anni, con il dato che passa dall’84,7% del primo semestre 2017 all’85,4% del semestre in corso.

Il portale segnala come si assicurino auto sempre più costose, un trend in costante crescita dal 2013: il valore di un’auto nuova si attesta attorno ai 24.500 euro. Dal bollettino risulta anche una maggiore preferenza degli automobilisti per i veicoli ecologici, la cui diffusione per le sole auto nuove tocca il 14,4% (+1,1% rispetto al semestre precedente) mentre considerando l’intero parco auto si registra una cifra del 9,1% (+0,3%).

Come risparmiare sulla polizza?

Guardando i dati dell’Osservatorio si nota che l’ultima inversione al rialzo del trend dei prezzi RC Auto si era verificata nel biennio 2009-2010. Secondo il Codacons le conseguenze più pesanti sono per i neopatentati, che sono penalizzati dalle compagnie di assicurazioni per via delle tariffe definite “proibitive”. L’associazione riporta il caso della città di Prato, dove i principianti del volante pagavano a fine 2017 una media di 1.111 euro per assicurare la propria auto. 

Il rimedio al caro assicurazione è quello di confrontare le tariffe ed eventualmente cambiare compagnia. “Oggi”, spiega Emanuele Anzaghi, Vicepresidente di Segugio.it, “grazie alla maggior concorrenza fra compagnie di assicurazione e alla presenza dei comparatori di prezzi è possibile spuntare migliori condizioni anche in una fase di aumento generalizzato delle tariffe”.

Un esempio di RC Auto conveniente

Il miglior compromesso si ottiene effettuando una simulazione con lo specifico form di Segugio.it, che permette di confrontare i preventivi delle principali imprese assicurative sul mercato e individuare la polizza che meglio si addice alle esigenze di ogni guidatore. Ipotizzando di voler assicurare una Abarth 595 1.4 Turbo T-Jet 145 CV (appena acquistata da un 35enne di Salerno, prima classe di merito, zero sinistri negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 15.000 chilometri), si scopre che il prezzo più basso è quello proposto da Italiana Assicurazioni che offre una copertura per guidatori esperti (più di 26 anni) a 474,36 euro; i massimali si attestano sui 6,07 milioni di euro per i danni alle persone e 1,22 milioni di euro per quelli alle cose. L'assicurazione rinuncia ad esercitare il diritto di rivalsa se al momento del sinistro il conducente guida con patente scaduta, purché la licenza venga successivamente rinnovata entro 6 mesi dalla data dell’incidente. La rinuncia alla rivalsa si applica anche in caso di conducente neopatentato da meno di un anno diverso dal proprietario del mezzo e non appartenente al nucleo familiare del medesimo, nel caso in cui guidi il veicolo avente una potenza specifica, riferita alla tara, superiore ai limiti riportati dall’articolo 117 del Codice della Strada.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati