RC Auto: il premio più basso è in Valle d’Aosta

07/07/2018

RC Auto: il premio più basso è in Valle d’Aosta

L’andamento dei premi RC Auto regionali è una delle informazioni più interessanti rilevate dall’ultimo bollettino dell’IVASS (Istituto per la Vigilanza sulle Assicurazioni), che con la sua indagine effettua un'analisi sui prezzi praticati da Nord a Sud della penisola nell’ultimo trimestre del 2017

Avevamo già accennato qualcosa nella news “RC Auto, ancora un calo dei prezzi nel quarto trimestre”, dove abbiamo anche riportato che la tariffa media nazionale per quel periodo si attestava sui 417 euro. La cifra registrata è stata più bassa dello 0,8% rispetto ai precedenti tre mesi, mentre era stata più consistente la variazione su base annuale, -1,1%.

Prezzi più alti in Campania

I dati analizzati dicono che i premi nelle regioni del Centro-Sud risultano essere più alti rispetto alle varie aree del Nord, anche se sono presenti alcune eccezioni a livello locale.

La Campania, con un ammontare medio di 526,40 euro, è il territorio in cui assicurare una quattroruote costa più caro. Il premio è decisamente superiore rispetto alla media italiana – 109,40 euro in più – con gli automobilisti che si ritrovano a pagare quasi il doppio rispetto agli assicurati della Valle d’Aosta, regione meno cara d’Italia grazie ai suoi 303,20 euro medi.

Tra le regioni più costose, dopo la Campania, troviamo la Toscana, 475,4 euro, il Lazio, 468,7 euro, e la Calabria, 444 euro, mentre tra quelle virtuose (oltre alla Valle d’Aosta) troviamo il Molise, 317,8 euro, il Friuli Venezia Giulia, 321,9 euro, e la Basilicata, 344,7 euro.

Queste differenze tra le diverse aree sarebbero legate soprattutto alla frequenza con cui accadono i sinistri, che soprattutto nel territorio campano risultano notevolmente più alti. A questo proposito, ricordiamo i prossimi tagli alle tariffe promessi dal Ddl concorrenza, che prevede uno sconto aggiuntivo per coloro che risiedono nelle province a maggiore tasso di sinistrosità e con premio medio più elevato. La lista dei capoluoghi ad alta sinistrosità comprende le province di Toscana (tranne Arezzo, Grosseto e Siena), Puglia (eccetto Lecce), Calabria e Campania (a esclusione di Cosenza e Avellino). Per l’identificazione delle province, l’IVASS ha utilizzato sia le informazioni già in suo possesso riguardanti il portafoglio italiano del ramo RC Auto, che i dati forniti da un campione di imprese che sono rappresentative del mercato assicurativo nazionale.

Guardando i dati dell’indagine a livello locale, si nota che le due città in cui costi delle coperture RC Auto risultano più alti sono Napoli e Prato, dove si paga una media superiore alle 600 euro. Va molto meglio agli abitanti di Oristano, in cui i guidatori che assicurano il proprio mezzo versano un premio annuale di poco inferiore alle 300 euro.

Prezzi più bassi grazie ai sistemi di controllo satellitare

Nonostante i divari ancora molto importanti, il prezzo nazionale e le differenze tra i vari territori sono sensibilmente in ribasso per via della concorrenza tra le varie compagnie e alla diffusione della black box. In particolare, i sistemi satellitari hanno permesso di ottenere sconti sulla polizza anche del 25%, oltre a consentire alle assicurazioni un controllo sugli episodi di sinistro e sui possibili tentativi di truffa. Il concetto è stato ribadito anche dal presidente dell’IVASS, Salvatore Rossi: “alla discesa dei prezzi ha contribuito la diffusione della scatola nera. Tra il 2013 e il 2017, le polizze con scatola nera sono passate dal 10% a oltre il 20% del totale, con punte nelle aree meridionali del 60%, portando così il mercato italiano in testa alle classifiche mondiali di diffusione della motor connected insurance”.

Il risparmio arriva anche online

Ricordiamo che gli automobilisti consultano sempre più spesso i portali di comparazione per garantirsi la polizza con il miglior rapporto qualità-prezzo. Grazie a Segugio.it bastano pochi minuti per avere un preventivo RC Auto gratuito e tale da soddisfare le esigenze di qualunque assicurato. Qui di seguito riportiamo un esempio di simulazione che riguarda un generico utente 40enne di Torino (prima classe di merito, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media di 20.000 chilometri) che vuole stipulare una polizza per una Volvo V40 D2.

L’offerta più economica è di Verti, che propone una formula di guida esperta (età superiore ai 26 anni) a 314 euro. I massimali sono di 7 milioni di euro per i danni alle persone e 2,5 milioni per quelli alle cose: nel caso in cui il veicolo assicurato sia guidato da persona in stato di ebbrezza – ma solo per il primo incidente – Verti limiterà la rivalsa nei confronti dell’assicurato, del proprietario e del conducente a 2.500 euro. L’assicurazione rinuncia invece a esercitare il diritto di rivalsa se al momento del sinistro il conducente guida con patente scaduta, purché la licenza venga rinnovata entro 90 giorni dalla data del sinistro. La compagnia copre anche la responsabilità civile per i danni causati a terzi dal traino di eventuali rimorchi e dalla circolazione in aree private (non aperte al pubblico).

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
RC Auto: il premio più basso è in Valle d’Aosta Valutazione: 5/5
(basata su 1 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare