Chiama gratis 800 999 555

Ddl concorrenza: sconti RC Auto a rischio senza il decreto attuativo

Pubblicato il 22/06/2018

I tagli alle tariffe RC Auto previsti dal prossimo 10 di luglio rischiano di rimanere solo un provvedimento scritto sulla carta. A lanciare l’allarme è l’Associazione Konsumer Italia, che ha sottolineato la mancanza di un decreto attuativo per l’applicazione degli sconti previsti dal Ddl concorrenza.

Cosa sta accadendo legalmente?

Il Disegno di legge e il successivo regolamento numero 37/2018 dell’IVASS che ne disciplina le modalità, stabiliscono che gli assicurati muniti di apparecchiature di geolocalizzazione – come le scatole nere – abbiano diritto a uno sconto sul premio assicurativo che le compagnie sono obbligate a riconoscere. Tuttavia, il regolamento rischia di non concretizzarsi nei vantaggi tariffari, in quanto servirebbe l’apposito decreto attuativo (non ancora varato) da parte del Ministero dei Trasporti e dello Sviluppo economico.

“Il Decreto”, spiega Giampaolo Petri, capo del settore assicurativo Konsumer, “atteso da più di un anno, doveva essere emanato entro sei mesi dall’approvazione della legge. Esso è finalizzato a regolare la disciplina degli standard minimi e dell’interoperabilità delle scatole nere, in modo da evitare che le diverse compagnie non riconoscano gli apparecchi precedentemente montati dagli assicurati. Tuttavia, in mancanza di questo, i principi stabiliti dalla legge 124 rischiano di rimanere lettera morta”.

Il regolamento IVASS disciplina lo sconto obbligatorio e aggiuntivo

Con questo provvedimento sono stati definiti i criteri e le modalità per determinare i tagli sulle tariffe decisi dal Disegno di legge. In particolare, lo sconto obbligatorio è subordinato a tre condizioni:

- ispezione preventiva del veicolo;

- installazione sul veicolo di meccanismi elettronici che ne registrano l’attività (scatola nera o equivalenti);

- montaggio di congegni (come l’alcolock) che impediscono l’avvio del motore in caso di tasso alcolemico del guidatore superiore ai limiti di legge.

Previsto anche uno sconto aggiuntivo, che sarà applicabile ai soggetti che negli ultimi quattro anni non hanno provocato sinistri con responsabilità esclusiva o principale o paritaria. Tuttavia, devono essere soddisfatte due condizioni fondamentali: che siano installati sui mezzi dei meccanismi elettronici che registrano l’attività del veicolo e che gli utenti risiedano nelle province a maggiore tasso di sinistrosità e con premio medio più elevato. A questo proposito, è stata definita una lista dei capoluoghi ad alta sinistrosità, che comprende le province di Toscana (tranne Arezzo, Grosseto e Siena), Puglia (eccetto Lecce), Calabria e Campania (a esclusione di Cosenza e Avellino). Per l’identificazione delle province, l’IVASS ha utilizzato sia le informazioni già in suo possesso riguardanti il portafoglio italiano del ramo RC Auto, che i dati forniti da un campione di imprese che sono rappresentative del mercato assicurativo nazionale.

Le altre novità del Ddl concorrenza

Ricordiamo ancora una volta che il nuovo provvedimento, di cui si può approfondire nella news “RC Auto: è legge il Ddl concorrenza”, modifica la materia relativa al calcolo dei danni non patrimoniali, che per essere quantificati utilizzeranno le tabelle di Milano su tutto il territorio nazionale. Questo iter dovrebbe garantire alle vittime dei sinistri risarcimenti più equi e allo stesso tempo ottimizzare i costi gravanti sul sistema assicurativo e sui consumatori.

In tema di riparazioni, la legge prevede che sia rispettata la facoltà per il danneggiato di ottenere l’integrale indennizzo per la sistemazione del veicolo, in modo da potersi rivolgere a un carrozziere di propria fiducia. Infine, nell’ambito antifrode, c’è la nuova procedura per l’identificazione dei testimoni di un incidente: in caso di danni alle sole cose, i soggetti dovranno risultare dalla denuncia di sinistro o dal primo atto formale del danneggiato nei confronti dell’impresa.

Risparmiare sull’RC Auto? Basta comparare online

Molti utenti hanno già avuto la prova che si può ottenere un vantaggio sul premio in modo semplice, veloce e gratuito: per farlo, basta cercare la tariffa RC Auto su Segugio.it, il portale che permette di confrontare i prezzi delle migliori assicurazioni presenti sul mercato, individuando la soluzione più economica e che più si addice alle esigenze di ogni utente.

Un esempio di simulazione può aiutare a chiarire la reale convenienza a utilizzare il portale. Ipotizzando di voler assicurare una Smart Fortwo 70 1.0 Youngster (acquistata da un 33enne di Roma che staziona in quarta classe di merito, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 15.000 chilometri), si scopre che il miglior prezzo è quello praticato da Zurich Connect, 263,6 euro, che prevede una copertura con formula di guida esperta (automobilisti con più di 25 anni). L’assicurazione garantisce massimali che si attestano sui 7,5 milioni di euro sia per i danni alle cose che per quelli alle persone.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati