Telecamera posteriore: gli Stati Uniti la impongono su tutte le auto

19/05/2018

Telecamera posteriore: gli Stati Uniti la impongono su tutte le auto

La tecnologia si diffonde sempre con maggiore impatto nel settore automobilistico, aiutando i guidatori a migliorare la sicurezza sulle strade. Proprio con questo obiettivo, il Governo degli Stati Uniti renderà da questo mese obbligatoria su tutte le auto la telecamera posteriore per supportare la manovra di parcheggio.

La decisione è arrivata dopo uno studio condotto dall’ente federale National Highway Traffic Safety Administration, che ha stabilito come ogni anno muoiano oltre 200 persone in incidenti avvenuti a marcia indietro.

Obiettivo: ridurre il numero delle vittime

I più tutelati saranno i pedoni e in particolare i bambini, in quanto la telecamera rende maggiormente visibile al conducente la parte dietro la vettura. Le regole fissate dalle autorità americane impongono che la retrocamera si accenda in maniera automatica appena si ingrana la retromarcia, con il video che deve dare visione di un'area di almeno 3 metri per 6 dietro l'auto. La norma in realtà era già stata varata nel 2014, ma le autorità statunitensi hanno preferito dare tempo di adeguarsi alle Case produttrici, facendo scattare l'obbligo solo a partire dal primo maggio 2018.

Non solo Retrocamera

A supportare l’azione delle telecamere di retromarcia ci sono nella maggior parte dei casi i sensori di parcheggio. Questi sistemi sono nascosti nei paraurti del veicolo, così da non intaccare il design della vettura, e sono in grado di emettere suoni che avvertono chi è alla guida dell’imminente impatto. Anche i sensori si attivano automaticamente quando si inserisce la retromarcia.

Il loro funzionamento prevede l’emissione di onde ultrasoniche che vengono inviate alla centralina dell’auto: quest’ultima elabora le informazioni e le trasmette a un altoparlante, che emette toni intermittenti con intensità e frequenza variabile per dare l’idea della variabilità della distanza e dell’approssimarsi del contatto. In più, possono essere presenti sul cruscotto dei led luminosi che si accendono progressivamente quanto più ci si avvicina all’ostacolo.

Obbligatoria anche la frenata automatica di emergenza

La priorità della sicurezza ha indotto il Governo Federale a introdurre anche questo dispositivo a partire dal 2022. A far riflettere le autorità è stata la salita vertiginosa del numero di incidenti stradali, un problema che si ripercuote anche sui costi sociali e sui i risarcimenti da parte delle assicurazioni.

Il congegno è abbastanza complesso, in quanto utilizza radar, videocamere e laser per captare eventuali ostacoli sulla linea di marcia del mezzo. In America questo dispositivo è conosciuto come AEB (Automatic Emergency Braking) e sarà obbligatorio per tutti i veicoli che pesano meno di 3878 chilogrammi, mentre per i mezzi pesanti dovranno montarlo solo a partire dal 2025. Grazie ai suoi sensori, il dispositivo individua eventuali ostacoli ed avverte il conducente con un apposito segnale acustico o in alternativa con una specifica immagine sul display. L’AEB arresta automaticamente il veicolo nel caso in cui il pilota non effettui subito la frenata, evitando o riducendo le conseguenze dell’impatto. Secondo le stime dell’ente americano NHTSA (National Highway Traffic Safety Administration), grazie all’imposizione del congegno si potranno contare fino a 28 mila incidenti in meno sulla rete stradale del territorio.

Sistemi di guida assistita in Europa

Anche nel Vecchio Continente si cerca di rendere le auto sempre più sicure. Il Parlamento Europeo ha infatti approvato a maggioranza l’obbligatorietà dei sistemi di guida assistita (ADAS – Advanced Driver Assistance Systems) su tutte le automobili di nuova immatricolazione – un argomento di cui si può approfondire nella news “Sistemi di guida assistita, arriva l’ok del Parlamento Europeo”. Nello specifico, sarà di serie non solo la frenata automatica di emergenza, ma anche il sistema di mantenimento della corsia di marcia e il cruise control adattivo (regolatore di velocità). L’applicazione su tutte le vetture di questi ritrovati tecnici darà sicuramente un contributo importante per ridurre quegli incidenti stradali dovuti all’errore umano.

La sicurezza passa anche dall’RC Auto

Sempre in tema di tutele, ricordiamo che viaggiare senza una regolare copertura assicurativa può portare gravi problemi in caso di sinistro. Assicurare il proprio mezzo può essere semplice, veloce ed economico grazie a Segugio.it, il portale leader in Italia nella comparazione di tariffe. Il sistema di calcolo di Segugio.it fornirà risultati mirati per ogni tipologia di profilo, perché analizza in modo preciso e veloce le informazioni inserite e permette di personalizzare i preventivi ottenuti selezionando le garanzie accessorie che l’utente preferisce.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
Telecamera posteriore: gli Stati Uniti la impongono su tutte le auto Valutazione: 5/5
(basata su 2 voti)

ARTICOLI CORRELATI:

800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare