L’RC Auto dice addio al bonus malus

06/05/2018

L’RC Auto dice addio al bonus malus

Il sistema del bonus malus potrebbe presto andare in pensione: ad annunciarlo è l’IVASS (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni) che ha dato il via libera a un programma di studio per abrogare gli attuali criteri di base per l’attribuzione della Classe di merito. L’Istituto ha specificato che la nuova metodologia di calcolo dovrebbe tener conto dell’effettivo comportamento su strada del singolo soggetto, a prescindere dal mezzo impiegato.

La novità assicurativa annuncia una prima tranche di proposte preliminari da parte delle compagnie, che dovranno essere stilate entro l’inizio dell’estate. Il nuovo piano prevede il monitoraggio dell’assicurato grazie alla tracciabilità dello smartphone oppure attraverso un sistema misto, in grado di attingere informazioni anche dall’archivio nazionale delle patenti, dove convergono le segnalazioni che riguardano le infrazioni al Codice della Strada.

Come funziona l’attuale bonus-malus?

Il sistema prevede che al contraente venga assegnata una precisa classe di merito in base a una serie di requisiti, primo fra tutti il numero degli incidenti registrati durante il periodo di validità della polizza. L’assicurato viene premiato con un bonus, vale a dire una classe inferiore a quella d’origine, qualora non sia stato riconosciuto responsabile di un sinistro nel corso dell’anno precedente, mentre gli viene assegnato un malus, salendo di due categorie, nel caso in cui abbia causato un incidente – con conseguente aumento del premio. Il malus viene applicato qualora sia stata accertata la responsabilità maggiore del sinistro (oltre il 50%), mentre nel caso di concorso di colpa (responsabilità paritaria al 50% o inferiore al 50%) non viene applicato ma soltanto segnalato nell’attestato di rischio della polizza.

Ricordiamo che l’assicurato può evitare l’applicazione del malus tramite la stipula del Bonus Protetto, una clausola offerta da diverse compagnie del mercato italiano, che permette, al primo incidente con colpa, di conservare la classe di merito maturata precedentemente. In pratica il meccanismo Bonus Malus non viene attivato e la tariffa dell’RC Auto non aumenta: l’assicurato si tutela da una maggiorazione del premio pagando un piccolo sovrapprezzo all’atto dell’acquisto della polizza.

Bisogna però tener presente che il meccanismo funziona solo se si decide di restare fedeli alla propria compagnia assicurativa, poiché il Bonus Protetto conserva la classe di merito interna, mentre la Classe Universale, riportata dall’attestato di rischio, risentirà dell’incidente. 

Novità per le coppie di fatto

In tema di assegnazione della classe di merito, l’IVASS ha riconosciuto la sua estensione oltre che ai figli e al coniuge convivente dell’assicurato anche ad altre forme di unione civile. Nella news “RC Auto: privilegi sulla classe di merito per le coppie di fatto” abbiamo spiegato che il mantenimento della classe potrà essere attribuita al coniuge in regime di separazione legale dei beni, al partner unito civilmente, alle coppie dello stesso sesso e al convivente che acquisisce la proprietà del veicolo a seguito di eredità. L’Istituto ha anche stabilito benefici a favore di alcune categorie di assicurati in precedenza trascurate, come i veicoli intestati a portatori di handicap e quelli oggetto di leasing.

E per individuare una tariffa conveniente?

Attualmente gli assicurati possono tagliare il costo della polizza auto grazie all’utilizzo di Segugio.it, il portale che confronta le RC Auto più convenienti sul mercato. Il sistema di calcolo online di Segugio.it fornisce risultati mirati per ogni tipologia di profilo, perché analizza in modo preciso e veloce le informazioni inserite, inoltre permette di personalizzare i preventivi ottenuti selezionando le garanzie accessorie che l’utente preferisce. Ipotizzando di voler assicurare una Bmw 520d Business (acquistata da un 40enne di Enna, prima classe di merito, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 30.000 chilometri), si scopre che il miglior prezzo è quello praticato da Italiana Assicurazioni, 282,12 euro, che prevede una copertura con formula di guida esperta (conducente con più di 26 anni). L’assicurazione garantisce massimali per danni alle cose e alle persone rispettivamente di 1,22 e 6,07 milioni di euro.

A cura di: Paola Campanelli

Come valuti questa notizia?
L’RC Auto dice addio al bonus malus Valutazione: 4,4/5
(basata su 11 voti)
800 999 555 ASSISTENZA GRATUITA
Confronta i preventivi
PREVENTIVO AUTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO MOTO

Recupera Preventivi

PREVENTIVO AUTOCARRO

Recupera Preventivi

come funziona
Guarda il video e scopri com’è facile risparmiare