Chiama gratis 800 999 555

Mantenere l’auto adesso costa di più

Pubblicato il 15/03/2018

Aumentano le spese degli automobilisti italiani per l’assistenza della propria vettura. Nel 2016 la somma si era fermata poco sotto i 30 miliardi di euro – una notizia di cui avevamo parlato nell'articolo "Crescono le spese di manutenzione e riparazione dell’auto" – mentre le stime per lo scorso anno parlano di un +1%, un rialzo dovuto essenzialmente al maggior costo dell'attività di manutenzione e riparazione (+1,3%).

A dirlo è l'Osservatorio Autopromotec sull'elaborazione dei dati ISTAT dei prezzi al consumo. La ricerca ha anche misurato un rincaro degli importi dei pezzi di ricambio (+0,8%) e dei lubrificanti (+0,8%), mentre la spesa destinata agli pneumatici è rimasta invariata. 

Crescono anche i prezzi delle vetture

A fronte dell’aumento del costo dell’assistenza, si registra anche una risalita della spesa per acquistare le vetture nuove (+0,9%), una dinamica legata all’evoluzione della congiuntura economica. Il 2017 si è rivelato un anno in cui le cifre del mercato sono andate oltre le aspettative, raggiungendo quasi i 2 milioni di veicoli venduti e ad aiutare le immatricolazioni sono stati gli incentivi messi a disposizione dalle Case automobilistiche, oltre ai tanti nuovi modelli lanciati e ai meccanismi di auto-immatricolazioni da parte dei concessionari.

Trend crescente anche per le revisioni

Nel 2017 gli italiani hanno pagato 2,95 miliardi di euro per far controllare le proprie vetture presso officine private specializzate, facendo segnare così un +2,8% rispetto al 2016 (quando la spesa si era attestata sui 2,86 miliardi di euro). La cifra rilevata lo scorso anno comprende il pagamento della tariffa per le revisioni, poco più di 950 milioni di euro (+1,9%), e il costo per le operazioni di prerevisione – le riparazioni necessarie affinché i mezzi possano superare i controlli – che è di 1.997,3 milioni di euro (+3,2%). Il check-up periodico degli autoveicoli serve a garantire che questi siano in possesso dei requisiti di idoneità alla circolazione, accertandone le condizioni di sicurezza, il livello di emissioni inquinanti e la rumorosità. Non dimentichiamo che da maggio di quest’anno sarà istituito il cosiddetto certificato di revisione, di cui si è parlato nella news "Revisioni auto: le nuove regole in vigore dal 2018", che sarà consegnato in copia cartacea al proprietario del veicolo. Il documento dovrà contenere una serie di informazioni sul mezzo, come ad esempio il numero di telaio, la targa, la lettura del contachilometri e il livello di gravità degli eventuali difetti riscontrati.

Un parco circolante ancora datato

L’età media delle vetture fa sì che gli interventi in officina siano più frequenti. Tuttavia, la crescita dell’assistenza è dettata anche da una maggiore attenzione al mezzo da parte dei proprietari, i quali hanno capito che trascurare l’auto può portare danni costosi in futuro e situazioni di pericolo per la sicurezza propria e degli altri guidatori. L’entità del fenomeno a livello nazionale viene rilevata dall’Osservatorio di Segugio.it, secondo cui l’età media delle quattroruote è di poco inferiore ai 10 anni, con quasi il 73% del totale circolante che è immatricolato da più di 6 anni.

Italiani attenti anche al costo dell’RC Auto

L’Osservatorio ha calcolato che il miglior prezzo medio ottenuto dalla media delle migliori offerte trovate sul portale si è attestato alla fine del secondo semestre sui 431 euro, un valore in diminuzione rispetto alla cifra media calcolata durante l’estate (455 euro), ma in linea con quanto misurato durante i primi sei mesi dell’anno.

Ricordiamo che il confronto delle tariffe con Segugio.it aiuta gli automobilisti a individuare la tariffa più conveniente in modo semplice e veloce. Assicurare ad esempio una nuova Volkswagen Golf 1.4 TGI 5p. Highline BlueMotion (appena acquistata da un 37enne di Reggio Calabria che staziona in prima classe di merito, zero sinistri con colpa negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 30.000 chilometri), vede quale miglior prezzo quello proposto da Italiana Assicurazioni, che offre una copertura per guidatori esperti (età superiore ai 26 anni) a 457,32 euro. L'assicurazione rinuncia a esercitare il diritto di rivalsa se al momento del sinistro il conducente guida con patente scaduta, purché la licenza venga successivamente rinnovata entro 6 mesi dalla data dell’evento.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati