Chiama gratis 800 999 555

Scatola nera, chi la installa è più attento alla guida

Pubblicato il 04/03/2018

La black box è un dispositivo elettronico che una volta installato su un veicolo permette il monitoraggio e la registrazione delle informazioni che riguardano il mezzo di trasporto e il comportamento del suo conducente.

Nella guida "Che cos'è la scatola nera o black box?" abbiamo specificato che permette di registrare la posizione e la velocità dell’auto, con la conseguenza in caso di sinistro di rendere possibile la ricostruzione della dinamica dell’evento negativo.

Meno incidenti con la scatola nera

A questo proposito, un’indagine dell’ANIA (Associazione Nazionale Imprese Assicurative) ha stabilito che chi la installa ha una condotta di guida più responsabile, con una conseguente riduzione della probabilità di provocare sinistri: la frequenza di incidenti causati da vetture equipaggiate di black box sarebbe infatti inferiore tra il 2% e il 5% rispetto a quella dei veicoli senza alcuna dotazione.

L’Associazione ha anche calcolato che tra il 2012 e il 2015 si è verificata una riduzione della sinistrosità per i veicoli controllati dal congegno quasi doppia rispetto a quella delle auto senza sistema di sorveglianza, rispettivamente -14,3% contro -7,7%. Un vantaggio per le compagnie assicurative che, dovendo liquidare un monte danni inferiore, riescono a compensare i mancati introiti dovuti agli sconti applicati a quelle polizze.

“La scatola nera”, spiega Umberto Guidoni, dirigente responsabile del Servizio auto di ANIA, “consente una deterrenza nei confronti dei comportamenti a rischio, a favore di una guida più corretta che porta a ridurre gli incidenti. Vanta anche una funzione ulteriore permettendo di valutare correttamente la dinamica e le responsabilità di un sinistro, migliorando sia i tempi sia le modalità dei risarcimenti”.

Italiani sempre più attratti dalla black box

La diffusione di questi dispositivi ha fatto registrate nel giro di pochi anni un vero e proprio boom. I dati raccolti dall’IVASS (Istituto di Vigilanza sulle Assicurazioni) dicono che alla fine del terzo trimestre 2017 la scatola nera è attiva in oltre il 20% dei contratti RC Auto, una percentuale che nel 2013 si fermava all’11%. Il suo montaggio è più frequente nelle regioni del Centro e del Sud, con le province di Napoli e Caserta che la rilevano in oltre il 50% dei contratti stipulati. Per l’anno in corso ci dovrebbe essere una nuova accelerata nella sua diffusione grazie al Ddl concorrenza, che garantisce ulteriori sconti ai guidatori che circoleranno con questa formula.

Crescono i vantaggi per chi la sceglie

Ricordiamo che il Ddl concorrenza ha imposto tagli significativi sui premi RC Auto: tra le condizioni per usufruire degli sconti, c’è proprio l’installazione della black box. I criteri per l’applicazione dei bonus sono stati definiti da un regolamento dell’IVASS – di cui si può leggere nella news "Sconti RC Auto, arriva il regolamento dell’IVASS" – che ha tra gli obiettivi quello di aiutare la progressiva riduzione delle differenze sul territorio nazionale dei premi applicati agli assicurati virtuosi. A questo proposito è stata definita una lista dei capoluoghi ad alta sinistrosità, che comprende le province di Toscana (tranne Arezzo, Grosseto e Siena), Puglia (eccetto Lecce), Calabria e Campania (ad esclusione di Cosenza e Avellino). Per la determinazione degli sconti e l’identificazione delle province, l’IVASS ha utilizzato sia le informazioni già in suo possesso riguardanti il portafoglio italiano del ramo RC Auto, che i dati forniti da un campione di imprese rappresentativo del mercato assicurativo.

Si risparmia anche con Segugio.it

È bene non dimenticare che il premio più conveniente passa anche dalle comparazioni effettuate su Segugio.it, il portale che individua le migliori RC Auto presenti sul mercato.

Ipotizzando di voler assicurare una Audi A1 1.4 TDI Sport (acquistata da un 35enne di Pisa, prima classe di merito, nessun sinistro negli ultimi 5 anni, percorrenza media annua di 20.000 chilometri), si scopre che il miglior prezzo è quello praticato da Zurich Connect, 278,09 euro, che prevede una copertura con formula di guida esperta (automobilisti con più di 25 anni). L’assicurazione garantisce massimali più alti rispetto a quelli minimi previsti dalla legge (aggiornati nel 2017 e riportati nell’articolo "Massimali più alti per l’RC Auto") che si attestano sui 7,5 milioni di euro sia per i danni alle cose che per quelli alle persone.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati