Chiama gratis 800 999 555

Fondo di garanzia vittime della Strada: quando farne richiesta?

Pubblicato il 25/10/2017

Aggiornato il 01/03/2019

Essere coinvolti in un incidente stradale può portare seri problemi in fase di indennizzo quando il veicolo danneggiante non sia coperto dall’assicurazione RC obbligatoria. Dell’argomento ci siamo occupati nella news "In continua crescita il numero di veicoli non assicurati", spiegando come una situazione di questo tipo porta il danneggiato a non poter avviare la procedura del risarcimento diretto.

In questo caso si può ricorrere al cosiddetto Fondo di garanzia per le vittime della strada, uno strumento che copre sia i danneggiamenti alla persona che quelli materiali. Oltre che per i veicoli non assicurati, il Fondo interviene a seguito di sinistro con mezzi:

- non identificati;

- assicurati con imprese poste in liquidazione coatta amministrativa (ovvero fallite);

- posti in circolazione contro la volontà del proprietario;

- spediti nel territorio italiano da un altro paese dell’Unione europea o Islanda, Liechtenstein e Norvegia;

- immatricolati all’estero (con targa non corrispondente).

Un veicolo si considera privo di copertura assicurativa anche nella circostanza prevista dall'articolo 1901 del Codice Civile, vale a dire in caso di sospensione del contratto a partire dal quindicesimo giorno successivo alla scadenza per via del mancato pagamento dei premi successivi al primo. Nella guida "Cosa accade se si circola con l'assicurazione scaduta?abbiamo specificato che le due settimane valgono per le polizze di durata annuale e non per quelle temporanee (stipulate per periodi inferiori).

Il danneggiato, per poter accedere al Fondo, avrà l'onere di fornire la prova sulla sussistenza del comportamento del responsabile civile, in più dovrà dimostrare il nesso eziologico tra la condotta del conducente del veicolo non assicurato e il danno.

La richiesta di risarcimento dovrà essere inviata tramite raccomandata alla CONSAP (Concessionaria Servizi Assicurativi Pubblici) e all’impresa designata competente per il luogo dove è avvenuto l’incidente (la lista delle compagnie è presente sul sito della Concessionaria). Il Fondo è finanziato con un’aliquota sui premi RC Auto (attualmente il 2,5%) e opera nei limiti dei massimali di legge vigenti al momento del sinistro, vale a dire 6,070 milioni di euro per i danni alle persone e 1,220 milioni per quelli alle cose. Le cifre, come anticipato nella news Massimali più alti per l’RC Auto, sono in vigore per legge dall’11 giugno 2017: prima di questa data erano rispettivamente di 5 e un milione di euro.

L’impresa assicurativa competente, una volta ricevuta la richiesta di risarcimento, si attiverà per farà tutte le verifiche del caso. Entro 60 giorni la stessa compagnia dovrà fornire al danneggiato una proposta di indennizzo o in alternativa fornire le motivazioni per cui non formula alcuna offerta. Tale termine potrà essere posticipato di altri 120 giorni se il danno fosse stato causato da un veicolo assicurato presso una compagnia assicurativa in fallimento.

Ricordiamo che la circolazione con una vettura priva di assicurazione porta al rischio di incorrere in una sanzione pecuniaria che varia dagli 841 ai 3.287 euro. Insieme alla multa, è previsto anche il sequestro del veicolo: saranno le stesse forze di polizia a disporre il prelevamento, il trasporto e il deposito di quest’ultimo in un luogo non aperto alla circolazione. Lo stesso luogo può essere, in particolari condizioni, concordato con il trasgressore.

Per arginare il fenomeno dell’evasione assicurativa si sono ampliati gli strumenti per effettuare i controlli, che adesso prevedono anche l’uso di velox fissi, Tutor e varchi elettronici delle ZTL. Tuttavia gli accertamenti in automatico devono ancora decollare, visto che l’avvio della nuova disciplina prevista dal Ddl concorrenza non potrà essere applicata a causa di un errore nella redazione del testo della stessa legge.

Gli ultimi dati relativi al 2016 parlano di circa 2,9 milioni di auto non coperte da una regolare polizza, una cifra allarmante ma che è comunque in diminuzione rispetto ai 3,4 milioni del 2015.

Solitamente gli utenti che non rinnovano l’RC Auto si giustificano con problemi di disponibilità economica, legati anche a tariffe per il proprio profilo non proprio a buon mercato. Utilizzando il servizio di comparazione di Segugio.it è possibile individuare il premio assicurativo più conveniente sul mercato.  Simulando al 17 di ottobre la richiesta per una Ds DS3 BlueHDi 100 S&S So Chic  (acquistata da un 35enne di Ancona in seconda classe di merito, un sinistro con responsabilità principale nel 2014, percorrenza media di 20.000 chilometri), risulta quale miglior prezzo l’offerta di Genertel che propone una copertura per guidatori esperti (con più 25 anni) a 410,27 euro. Si tratta della variante Quality Driver che permette al cliente di usufruire di una serie di garanzie accessorie (tutela legale e assistenza) e dei vantaggi della scatola nera.

A cura di: Paola Campanelli
Confronta le assicurazioni e risparmia Trova la polizza migliore

Articoli correlati