logo segugio.it
Chiama gratis 800 999 555

Assicurazione danni

Un'assicurazione danni è una polizza che può agire in uno di questi due sensi: 

  • Protegge l'assicurato dai danni che subisce
  • Ripaga i danni che questi ha commesso.

In generale, si tratta di una tipologia di polizza utilissima, perché a fronte del pagamento di una cifra relativamente piccola (il premio), permette di evitare di sborsare somme anche esorbitanti in caso di incidente, subito o provocato. 

Un esempio di assicurazione danni è l'RCA auto, cioè l'assicurazione per responsabilità civile auto, che ripaga i danni che l'assicurato provoca a terzi mentre è alla guida.  

Vediamo ora quali sono gli elementi più importanti da prendere in considerazione quando si sceglie un'assicurazione danni:

  • Il premio, e cioè la cifra che si deve pagare in cambio della copertura assicurativa. Può variare da compagnia a compagnia, ma è anche legato al rischio che queste ultime valutano. Ad esempio, quindi, un neopatentato dovrà pagare per la sua RCA un premio più alto rispetto a una persona che guida da molti anni e non ha mai fatto incidenti. 
  • Il rischio garantito, vale a dire le tipologie di danno effettivamente coperte. Bisogna verificare che la polizza in questione copra un ventaglio abbastanza ampio di rischi, tra cui quelli che temete di più. 
  • Le esclusioni, cioè quelle circostanze in cui invece la compagnia non ripagherà i danni. È importante sapere quali sono per avere un'idea più chiara della copertura effettiva. 
  • Il massimale, che è la cifra massima che la compagnia è disposta a ripagare. Oltre tale massimale, i danni andranno ripagati di tasca propria, ed è quindi importante che il massimale sia proporzionato alle necessità.
  • La franchigia o lo scoperto. La franchigia è la parte di danni che l'assicurato dovrà sempre pagare (normalmente si tratta di una cifra fissa). Lo scoperto è la stessa cosa, ma espressa in percentuale sulla cifra da ripagare.

Termini correlati